Gimbo racconta il suo nuovo album, «Come l’uomo della Luna»

0
gimbo come l'uomo della luna
Foto di Danilo Marocchi, dalla Pagina Facebook @gimbomusica

Il viaggio per una maggior coscienza di sè e del proprio rapporto con la natura viene raccontato attraverso i brani del nuovo album di Gimbo, Giampietro Pica all’anagrafe, dal titolo Come l’uomo della Luna.

Composto da 11 tracce, il concept album vede la collaborazione di alcuni importanti musicisti, come Fabrizio Bosso e Javier Girotto, Rastablanco e Giulio Ferrante provenienti dal mondo reggae di Radici nel Cemento, Raina dei Villa Ada Posse e Francesco Bellani (già con Calcutta, I Cani, Giorgio Poi).

I brani di Come l’uomo della Luna portano all’intero progetto diverse sfumature musicali, dal jazz al raggae fino al patchanka, folk e country: un viaggio sonoro che parte dalla tradizione europea fino ad arrivare a quella latino americana.

Inoltre, l’album è accompagnato dal videoclip Sulle Mie Tracce realizzato da dal regista Andrea Casella (Studio Capta), dove assieme a Gimbo compare proprio Fabrizio Bosso.

Gimbo, la videointervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome