Selton: in “Benvenuti” mettiamo in musica la capacità di sorridere anche di fronte alle difficoltà

0

È uscito il 16 aprile e a due anni di distanza dal precedente lavoro, il nuovo album dei Selton.

Il gruppo italo-brasiliano costituito da Ramiro Levy, Daniel Plentz e Eduardo Stein Dechtiar ritorna con un disco dal titolo emblematico: Benvenuti. Un messaggio di incoraggiamento all’incontro, un invito all’empatia e alla necessità di unire mondi diversi attraverso l’arte. Per superare le barriere e le barbarie. “Il nostro Benvenuti è per il mondo intero, ma non per tutti tutti. Ad esempio non per Bolsonaro” ci hanno detto nel corso di questa video-intervista.

Il nuovo progetto discografico dei Selton è un disco in cui la tradizione e le radici diventano sinonimo di crescita e consapevolezza, mai di chiusura. Nessuno dei tre componenti sente infatti di appartenere a un solo Paese: “Casa nostra è il mondo intero” hanno dichiarato al termine di un periodo che li ha portati –fin quando è stato possibile –a viaggiare molto e a intrecciarsi e confrontarsi con diversi patrimoni sociali e generazionali.

Questa naturale propensione al multiculturalismo e alla scoperta è stato tradotto in musica ed è diventato un punto di forza del disco, che esce in un’epoca in cui il diverso è invece – troppo spesso – considerato qualcuno di cui aver paura e da allontanare.

“Oggi sembra che la conoscenza abbia lo stesso valore dell’ignoranza ma pensare criticamente, agire eticamente, essere tolleranti richiede sforzo. Dobbiamo trovare il modo di farlo anche se viviamo in una società priva di tempo, vittima di una bulimia di informazioni, spesso chiusa in sé stessa”.

Una società che, negli 11 brani (10 inediti più la cover di Estate di Bruno Martino) che compongono l’album – il primo del trio interamente cantato in italiano –  fa solo da sfondo ai racconti musicali che si susseguono.

La nostra epoca è si, in qualche modo, protagonista di queste canzoni, ma in maniera leggera e mai invadente. Diventa il palco di riflessioni socio-culturali che partono da singoli episodi ed esperienze di vita, per arrivare alla totalità del pubblico. L’attualità è sfiorata con delicatezza, accompagnata da ironia e nostalgia e dai tratti tipici dei ritmi brasiliani. Benvenuti non è un disco triste, anche quando attraversa le difficoltà: perché, in fondo, affrontare le difficoltà con un sorriso stampato sul volto è una caratteristica tipica di chi ha un legame con il Brasile.

Per Benvenuti anche la presentazione è stata fuori dagli schemi. L’uscita del disco è stata infatti anticipata da una sit-com in stile anni ‘90 in onda su Deejay TV dal titolo “Benvenuti a casa nostra” e diretta da Francesco Mandelli. Ogni episodio, 6 in tutto, è dedicato a un diverso brano del disco e sarà approfondito dalle battute e le riflessioni di ospiti celebri tra cui Myss Keta, Nicola Savino, Alberto dello Stato Sociale, Federico Russo, Margherita Vicario, Dente, Rodrigo D’Erasmo, lo stesso Francesco Mandelli e tanti altri. Le prime puntate della mini serie sono andate in onda il 30 marzo, il 7 aprile e il 14 aprile, le prossime saranno invece in TV martedì 20 e 27 aprile e martedì 4 maggio.

Ecco la tacklist di Benvenuti:

  • Benvenuti
  • Sigaretta in mano a Dio
  • Karma Sutra con Margherita Vicario
  • Vieni a dormire da me
  • I piatti
  • Intermission : panorama
  • Campari di musica
  • Pasolini
  • Fammi Scrollare feat. Emicida, Willie Peyote
  • Estate feat. Priestess
  • Temporeggio
  • Vieni a dormire da me / Chorinho Version

Abbiamo intervistato i Selton per farci raccontare qualcosa in più da loro su questo nuovo disco.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome