Retrospettiva Volker Schlöndorff al Bergamo Film Meeting 2021

Dal 24 aprile al 2 maggio 2021 l’omaggio a uno dei cineasti tedeschi più rappresentativi del dopoguerra, con il patrocinio del Goethe-Institut Mailand

0
Foto film I turbamenti del giovane Torless

In cartellone 22 film del regista in streaming

Volker Schlöndorff nato a Wiesbaden il 31 marzo 1939, perde la madre a causa di un incidente domestico a soli cinque anni. Nel 1956 va in Francia per uno scambio scolastico; l’esperienza dovrebbe durare due mesi, ma in territorio francese ci rimane dieci anni. A Parigi frequenta il prestigioso Lycée Henri IV: per un periodo ha come compagno di classe il futuro regista Bertrand Tavernier. La famiglia lo vorrebbe medico, ma Schlöndorff, ritornato a Parigi, entra nel mondo del cinema e lavora come assistente alla regia di Louis Malle, Alain Resnais e Jean-Pierre Melville. Nel 1965 dirige il suo primo lungometraggio, I turbamenti del giovane Törless, una storia di formazione ambientata negli anni immediatamente anteriori alla Grande Guerra. Tratto dal romanzo di Robert Musil, il film riscuote un grande successo internazionale e ottiene numerosi riconoscimenti in importanti festival.  Volker, impegnato nel corso della sua vita artistica anche come sceneggiatore, produttore, attore, sarà sempre attratto dalla trasposizione cinematografica di testi letterari. Nei primi anni Settanta gira alcun telefilm, tra i quali Fuoco di paglia, 1972, diretto insieme a Margarethe Von Trotta (per alcuni anni sua moglie), Una notte nel Tirolo, 1973 e Le ragioni di Georgina, 1974. Del 1975 è Il caso Katharina Blum) tratto dal romanzo breve di Henrich Böll, film intenso che risente della situazione politica degli anni Settanta, segnata dal terrorismo e dalle azioni repressive dello Stato. La sua pellicola di maggior successo è senz’altro l’adattamento cinematografico del romanzo di Günter Grass Il tamburo di latta, primo film di un regista tedesco premiato a Cannes nel 1979 con la Palma d’Oro e a Hollywood con un Oscar. Poi Schlöndorff realizza diverse coproduzioni franco-tedesche, fra le quali Un amore di Swann, 1983. Negli Stati Uniti gira nel 1984, Morte di un commesso viaggiatore, con Dustin Hoffman, tratto dal romanzo di Arthur Miller, Tutti colpevoli, 1985 e Storia di una cameriera, 1990 da Harold Pinter. Dopo la caduta del muro di Berlino, rientra in Germania e si dedica alla riorganizzazione degli antichi studi UFA/DEFA a Babelsberg. La storia della Germania, e in particolare la tragedia della pratica concentrazionaria e dello sterminio, sono sempre al centro di L’orco, 1996 e Il nono giorno, 2004, quest’ultimo inedito in Italia. Ancora La mer à l’aube, 2011, è incentrato su di un episodio della Resistenza francese sotto l’occupazione tedesca e Diplomacy – Una notte per salvare Parigi, 2014, racconta la vicenda della minaccia di Hitler di distruggere la capitale francese nell’agosto 1944. Piglio giovanile, linguaggio chiaro e  affabulazione vivace, l’ottantaduenne regista è ancora in piena attività creativa, pronto a gettarsi in nuove avventure artistiche. Sabato 1 maggio a partire dalle ore 11.00 Schlöndorff presenzierà al Q&A per il pubblico in diretta sulla pagina Fb e sul canale YouTube di BFM.

Foto film Il caso Katharina Blum

 

 

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome