Omaggio a Márta Mészáros al Bergamo Film Meeting 2021

Dal 24 aprile al 3 maggio 2021 una personale sulla regista ungherese che ha dato voce a donne forti e complesse raccontando la realtà e la memoria del suo paese

0
Foto film La ragazza

In cartellone 5 film restaurati dal National Film Institute Hungary

Nata a Budapest nel 1931, Márta Mészáros, figlia di un importante scultore, ha trascorso la sua infanzia nell’Unione Sovietica.  Rientrata in patria dopo la guerra, la ragazza compie gli studi secondari, ma poi si iscrive alla Scuola Superiore del Cinema di Mosca e sarà la prima donna ungherese a conseguire il diploma in regia cinematografica. Mel 1959 ritorna a Budapest dove realizza, in una decine di anni, documentari e film di tipo didattico. Nel 1968 firma il suo primo film La ragazza nel quale si avverta già una particolare sensibilità per la condizione femminile. Seguiranno poi nel corso degli anni ’70 e ’80 numerosi lungometraggi (alternati a lavori di tipo documentaristico), molti dei quali verranno premiati ad importanti Festival Internazionali come Adozione, 1975. Márta Mészáros occupa una posizione unica nella storia del cinema ungherese e mondiale e diverse sue pellicole quali Non piangete, belle ragazze!,1970, Senza legami, 1973, Nove mesi, 1976, Donne, 1977, hanno ottenuto grande successo.  Celebre è ancora la tetralogia dei Diari (Diario per i miei figli, 1982, Diario per i miei amori, 1987, Diario per mio padre e mia madre, 1990). L’omaggio a lei dedicato comprende 5 film, visibili sulla piattaforma Mubi, restaurati dal National Film Institute Hungary: Sentimenti vincolanti; Non piangete, belle ragazze!; Adozione, Nove mesi; Due di loro.  

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome