Simone Fornasari: «Il coraggio non ha prezzo: dà un valore intellettuale che ti rende migliore»

0
simone fornasari che poi

Il coraggio di scegliere da che parte stare e il prezzo della cosa giusta da fare. Sono questi i temi del nuovo progetto discografico intitolato Che poi del cantautore Simone Fornasari.

Si tratta di un Ep composto da cinque brani nato dalla collaborazione con il produttore artistico Giancarlo Boselli.

“A livello artistico- spiega Simone Fornasari durante la nostra intervista– questo Ep ha rappresentato la fine di un viaggio  che ero iniziato con l’album precedente e non è un caso che le copertine di questi due progetti appartengano allo stesso mondo visivo, grafico…. Mi piace pensare che la musica sia un po’ parallela alla vita”.

A far da apripista all’ep è stata la canzone Con i piedi per terra, il cui videoclip è stato pensato insieme al regista Alessandro Avarucci e successivamente montato e post prodotto da Chiara Granata. “Alessandro vive ad Amsterdam- racconta Fornasari–  e, in una
chiacchierata telefonica, mi ha lanciato un’idea che mi ha convinto da subito: è riuscito a coordinare e produrre il lavoro in totale smart working”.

Tra i brani c’è Da che parte stare, una dedica al testimone di giustizia Ignazio Cutrò : “Questa canzone- continua l’artista– è nata grazie all’amicizia con Ignazio, che ho avuto la fortuna di conoscere grazie alla musica… Lui è un eroe, è una persona che sta pagando il prezzo per aver scelto di stare dalla parte giusta…ha saputo prendere una decisione importante, anche se sta vivendo come un prigioniero lontano da tutti e da tutto…ha rivoluzionato il mio modo di pensare…a lui devo tanto”.

Le Scelte e compromessi: quanto contano per andare avanti nel mondo della musica?

“A volte- risponde Fornasari– ti vengono proposte opportunità che possono sembrare molto allettanti, ma che spostano il focus del tuo obiettivo. É importante capire che cosa si vuole fare e in base a quello si può raggiungere qualcosa…I compromessi fanno parte della vita e la musica è parte integrante di questa, dunque sta a noi scegliere da che parte stare e pesa… Quando ottieni qualcosa di ‘regalato’ che non ti sei guadagnato, dopo avrai ancora bisogna di qualcos’altro perchè sarai insoddisfatto”. 

Simone Fornasari, l’intervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome