David di Donatello 2021, il trionfo di “Volevo nascondermi”. Checco Zalone beffa Laura Pausini

0
Volevo nascondermi

È Volevo nascondermi il film trionfatore dei David di Donatello 2021. La pellicola, che racconta la storia del pittore Antonio Ligabue, ha vinto la bellezza di sette premi, fra i quali quelli per il miglior film, per la miglior regia (Giorgio Diritti) e per il miglior attore protagonista (Elio Germano). Tre premi sono andati a L’incredibile storia dell’Isola delle Rose e a Miss Marx, mentre si sono dovuti accontentare di un unico riconoscimento Favolacce (avrebbe meritato di più) e Hammamet. Sophia Loren ha vinto il David di Donatello come miglior attrice protagonista, il settimo della sua carriera nella categoria. Il precedente risaliva al 1978.

Il premio per la migliore sceneggiatura originale è andato a Mattia Torre per Figli, artista scomparso 47enne nel 2019. Il David di Donatello è stato ritirato dalla figlia Emma e il momento è stato il più commovente della lunga cerimonia.

La vera sorpresa della serata è stata la vittoria di Checco Zalone e della sua Immigrato, scelta come migliore canzone originale. Come alla notte degli Oscar, niente premio per Laura Pausini, che in apertura di cerimonia aveva cantato Io sì (Seen). La cantante di Faenza può comunque consolarsi con il Golden Globe vinto a febbraio.

Durante la serata sono stati ricordati gli artisti scomparsi nell’ultimo anno ed in particolare Ennio Morricone e Gigi Proietti, quest’ultimo dal suo allievo Enrico Brignano.

Di seguito tutti i premi.

MIGLIOR FILM: Volevo nascondermi di Giorgio Diritti
Le altre nomination: Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo, Hammamet di Gianni Amelio, Le sorelle Macaluso di Emma Dante, Miss Marx di Susanna Nicchiarelli

MIGLIOR REGISTA: Giorgio Diritti per Volevo nascondermi
Le altre nomination: Damiano e Fabio D’Innocenzo per Favolacce, Gianni Amelio per Hammamet, Emma Dante per Le sorelle Macaluso, Susanna Nicchiarelli per Miss Marx

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE: Pietro Castellitto per I predatori
Le altre nomination: Ginevra Elkann per Magari, Mauro Mancino per Non odiare, Alice Filippi per Sul più bello, Luca Medici per Tolo Tolo

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE: Mattia Torre per Figli
Le altre nomination: Francesco Bruni in collaborazione con Kim Rossi Stuart per Cosa sarà, Damiano e Fabio D’Innocenzo per Favolacce, Pietro Castellitto per I predatori, Giorgio Diritti, Tania Pedroni e Fredo Valla per Volevo nascondermi

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: Gianni Di Gregorio e Marco Pettenello per Lontano lontano
Le altre nomination: Salvatore Mereu per Assandira, Francesco Piccolo, Domenico Starnone e Daniele Lucchetti per Lacci, Stefano Mordini, Francesca Marciano e Luca Infascelli per Lasciami andare, Pupi Avati e Tommaso Avati per Lei mi parla ancora

MIGLIOR PRODUTTORE: Marta Donzelli e Gregorio Paonessa per Vivo Film con Rai Cinema, Joseph Rouschop e Valérie Bournonville per Tarantula Belgique per Miss Marx
Le altre nomination: Agostino e Giuseppe Saccà per Pepito Produzioni con Rai Cinema, AMKA Films Production, Vision Distribution e QMI per Favolacce, Matteo Rovere per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, Domenico Procacci e Laura Paolucci per Fandango con Rai Cinema per I predatori, Carlo Degli Esposti e Nicola Serra con Rai Cinema per Volevo Nascondermi

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA: Sophia Loren per La vita davanti a sé
Le altre nomination: Vittoria Puccini per 18 regali, Paola Cortellesi per Figli, Micaela Ramazzotti per Gli anni più belli, Alba Rohrwacher per Lacci

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA: Elio Germano per Volevo nascondermi
Le altre nomination: Kim Rossi Stuart per Cosa sarà, Valerio Mastandrea per Figli, Pierfrancesco Favino per Hammamet, Renato Pozzetto per Lei mi parla ancora

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA: Matilda De Angelis per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose
Le altre nomination: Benedetta Porcaroli per 18 regali, Barbara Chichiarelli per Favolacce, Claudia Gerini per Hammamet, Alba Rohrwacher per Magari

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Fabrizio Bentivoglio per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose
Le altre nomination: Gabriel Montesi per Favolacce, Lino Musella per Favolacce, Giuseppe Cederna per Hammamet, Silvio Orlando per Lacci

MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA: Matteo Cocco per Volevo nascondermi
Le altre nomination: Paolo Carnera per Favolacce, Luan Amelio Ujkaj per Hammamet, Gherardo Gossi per Le sorelle Macaluso, Crystel Fournier per Miss Marx, Michele D’Attanasio per Padrenostro

MIGLIOR COMPOSITORE: Gatto Ciliegia contro Il Grande Freddo e Downtown Boys per Miss Marx
Le altre nomination: Nicola Piovani per Hammamet, Niccolò Contessa per I predatori, Michele Braga per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, Pivio e Aldo De Scalzi per Non odiare, Marco Biscarini, Daniele Furiati per Volevo nascondermi

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE: Immigrato, musica e testo di Luca Medici e Antonio Iammarino, interpretazione di Checco Zalone (Tolo Tolo)
Le altre nomination: Gli anni più belli, musica, testo e interpretazione di Claudio Baglioni (Gli anni più belli), Io sì (Seen), musica di Diane Warren, testo di Laura Pausini e Niccolò Agliardi, interpretazione di Laura Pausini (La vita davanti a sé), Miles Away, musica di Pivio e Aldo De Scalzi, testo e interpretazione di Ginevra Nervi (Non odiare), Invisible, musica e testo di Marco Biscarini, interpretazione di La Tarma (Volevo nascondermi)

MIGLIOR SCENOGRAFO: Paola Zamagni, Ludovica Ferrario, Alessandra Mura per Volevo nascondermi
Le altre nomination: Paolo Bonfini, Paola Peraro, Emita Frigato, Erika Aversea per Favolacce, Giancarlo Basili, Andrea Castorina per Hammamet, Tonino Zera, Maria Grazia Schirripa per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, Alessandro Vannucci, Igor Gabriel e Fiorella Cicolini per Miss Marx

MIGLIOR COSTUMISTA: Massimo Cantini Parrini per Miss Marx
Le altre nomination: Maurizio Millenotti per Hammamet, Nicoletta Taranta per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, Vanessa Sannino per Le sorelle Macaluso, Ursula Patzak per Volevo nascondermi

MIGLIOR TRUCCATORE: Luigi Ciminelli, Andrea Leanza, Federica Castelli per Hammamet
Le altre nomination: Luigi Rocchetti per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, Valentina Iannuccilli per Le sorelle Macaluso, Diego Prestopino per Miss Marx, Giuseppe Desiato e Lorenzo Tamburini per Volevo nascondermi

MIGLIOR ACCONCIATORE: Aldo Signoretti per Volevo nascondermi
Le altre nomination: Daniele Fiori per Favolacce, Massimiliano Duranti per Hammamet, Aldina Governatori per Le sorelle Macaluso, Domingo Santoro per Miss Marx

MIGLIOR MONTATORE: Esmeralda Calabria per Favolacce
Le altre nomination: Giogiò Franchini per Figli, Simona Paggi per Hammamet, Gianni Vezzosi per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose, Paolo Cottignola, Giorgio Diritti per Volevo nascondermi

MIGLIORE SUONO: Carlo Missidenti, Filippo Toso, Luca Leprotti, Marco Biscarini, Francesco Tumminello (Volevo nascondermi)
Le altre nomination: Marc Thill, Edgar Iacolenna, Fabio Pagotto, Simone Chiossi, Maxence Ciekawy (Favolacce), Emanuele Cicconi, Andrea Colaiacomo, Domenico Granata, Alessandro Giacco, Alberto Bernardi (Hammamet), Claudio Bagni, Luigi Melchionda, Mirko Perri, Paolo Segat (L’incredibile storia dell’Isola delle Rose), Adriano Di Lorenzo, Pierpaolo Merafino, Marc Bastien, Pierre Greco, Franco Piscopo (Miss Marx)

MIGLIORI EFFETTI VISIVI VFX: Stefano Leoni, Elisabetta Rocca per L’incredibile storia dell’Isola delle Rose
Le altre nomination: Luca Saviotti per Hammamet, Massimiliano Battista per Miss Marx, Renaud Quilichini, Lorenzo Cecotti per The Book of Vision, Rodolfo Migliari per Volevo nascondermi

MIGLIOR DOCUMENTARIO: Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli
Le altre nomination: Faith di Valentina Pedicini, Notturno di Gianfranco Rosi, Punta sacra di Francesca Mazzoleni, The Rosselinis di Alessandro Rossellini

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: Anne di Domenico Croce, Stefano Malchiodi
Le altre nomination: Gas Station di Olga Torrico, Il gioco di Alessandro Haber, L’oro di famiglia di Emanuele Pisano, Shero di Claudio Casale

MIGLIOR FILM STRANIERO: 1917 di Sam Mendes
Le altre nomination: Jojo Rabbit di Taika Waititi, I miserabili di Ladj Ly, Richard Jewell di Clint Eastwood, Sorry We Missed You di Ken Loach

DAVID GIOVANI: 18 regali di Francesco Amato
Le altre nomination: Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo
, Gli anni più belli di Gabriele Muccino, L’incredibile storia dell’Isola delle Rose di Sydney Sibilia, Tolo Tolo di Checco Zalone

DAVID DELLO SPETTATORE: Tolo Tolo di Checco Zalone

DAVID SPECIALE: Diego Abatantuono, Monica Bellucci

DAVID ALLA CARRIERA: Sandra Milo

TARGA DAVID 2021 – RICONOSCIMENTO D’ONORE:
Silvia Angeletti, Ivanna Legkar, Stefano Marongiu

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome