Ritorna Tropico. Petrella pubblica il video di “Carlito’s Way”

0

Esce oggi – 17 maggio –  il video di Carlito’s way, nuovo singolo di Tropico – al secolo Davide Petrella – uscito il 14 maggio scorso. Dopo aver pubblicato per Island Records Non esiste amore a Napoli, Doppler, Contro e Egotrip, Tropico torna sulle scene con un brano raffinato, scritto interamente da lui.

Quando lavoro a un disco, prima scrivo un camion di canzoni senza pensare a nulla, senza cercare nulla, anche sbagliando – racconta Tropico/Petrella – Così guida l’istinto, come per i bambini, come per gli animali. Non pensare più di tanto a quello che sto facendo mi fa scrivere tantissime canzoni, poi a un certo punto arriva quella canzone lì, quella che ha qualcosa di più, di magico, e indica la strada da seguire a tutte le altre. Carlito’s Way è quel tipo di canzone. Una canzone guida, mettiamola così. La sensazione che volevo fermare era la voglia di andarsene via, portare te e chi ami in un posto lontano da tutta la merda che ci gira intorno. Soprattutto in questi ultimi mesi era una roba che sentivo fortissima. Quello che volevo trasmettere è che sarei disposto davvero a farlo, anche se finisse come in quel film. Solo per riuscire a vivere almeno la sensazione di esserci quasi riuscito, di esserci andato vicino”.

Ma conosco i tuoi occhi come i miei
mi fotto i ricordi perché vorrei
scappare da tutto
riprendere tutto
anche se finisse come in Carlito’s Way

Sonorità delicate e atmosfere a tratti nostalgiche raccontano a luci soffuse di due anime elette perse in un mondo troppo stretto, in cui l’unica soluzione per ricominciare sembra essere la fuga verso l’ignoto, anche a costo di perdere tutto, come accade nell’omonimo film di Brian De Palma (uno dei film preferiti dell’autore), da cui il brano prende il titolo.

A sostenere il lancio del nuovo singolo anche Cesare Cremonini, di cui Petrella è fidato collaboratore nella scrittura. Il cantante bolognese è stato ospite di Petrella a Napoli.

Scrive Cremonini sui social: “Ospitalità partenopea. ‘Bologna non ha il mare, che t’aggia dì… La pianura per la vista è come un mare’. Stasera esce la nuova canzone di Tropico/Petrella che mi sta ospitando tra le braccia aperte di Napoli. Sono felice per te, fratello. Le canzoni di Bologna e quelle di Napoli si riconoscono da lontano, da molti anni, perché nascono entrambe dalla terra, dove tutti si inginocchiano prima di ripartire. Quella che qui è una grande tavola di mare, con le onde che arrivano da lontano e i profumi d’oriente, da noi è una distesa di campi verdi, fertili e generosi”.

Il cantante romagnolo è seduto al pianoforte, con il mare davanti: “Dove lo sguardo si perde è invogliato a immaginare, per dire una banalità. Lucio Dalla si sentiva figlio di Napoli (e non solo), Morandi è uno dei massimi esperti in Italia di canzone napoletana. Le nostre vite lontane si sono incontrate molto prima di adesso. Quando l’odio e l’invidia si chiamavano solo coraggio e passione. Pensa che ora queste vite riescono persino a ridere. Tutti sanno ormai che le voci poetiche, con un po’ di fortuna, volano più lontano. Prima che tutto finisca come in #CarlitosWay”.

Il video di Carlito’s way 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La natura e i suoi potenti elementi fanno da scenografia al videoclip, un racconto per fotogrammi estremamente lieve per la regia di Enea Colombi, le cui reference attingono direttamente a un certo tipo di realismo magico, in cui la visione del reale e il suo racconto sono estremamente lucidi ma allo stesso tempo stranianti e incantati. Il video segue di pari passo la poetica del brano, in cui Tropico/Petrella canta: “Da nudi sembriamo sempre più belli, e tu non mi nascondere niente, fatti contare i nei sulla pelle”.

Così come le canzoni sono il centro del lavoro di Petrella, il naturalismo estremo è al centro del suo racconto per immagini, un racconto che nasconde però un che di misterioso, un senso di irrealtà perfettamente esplicitato nel finale del video.

Davide Petrella è uno degli autori più prolifici del panorama nazionale. Oltre che per Cremonini, ha scritto per Mahmood, Emma, Alessandra Amoroso, Ghali, J-Ax, Elodie, Takagi e Ketra e tanti altri.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome