Bruce Springsteen: nuovo album in arrivo e adesso è lecito sognare…

0

Lo avevamo annunciato qualche giorno fa proprio in questo spazio che Bruce avrebbe ricevuto il Premio Woody Guthrie, ieri (13 maggio). Ma la notizia del giorno è che Springsteen proprio durante la performance di ieri dal granaio di casa sua a Colts Neck – 65 minuti con quattro brani chitarra voce e armonica – ha annunciato l’uscita di un suo nuovo album e tutti sappiamo che ad ogni nuovo disco in genere fa seguito un tour. Ma non corriamo troppo e procediamo con  ordine. 

Springsteen – intervistato da Bob Santelli via streaming- ha parlato del grande impatto che ha avuto nella sua formazione musicale e nella sua composizione la California:

“La California – ha detto Bruce – ha avuto un enorme impatto su di me, dandomi l’ispirazione per alcune delle cose più importanti che ho scritto in tutti gli anni Novanta e per tutti i Duemila”. Aggiungendo “E anche adesso, in un disco che uscirà a breve e che è ambientato in gran parte nel West, mi sono trovato molto coinvolto in queste storie ‘western’”.

A premiare Bruce è stata la figlia di Woody Guthrie, Nora, e nel momento della consegna del premio, Springsteen ha sottolineato come Woody Guthrie lo abbia “salvato” in qualche modo: “Quando avevo 28 anni, non avevo speranze, ma nella musica di Woody ho trovato quello di cui avevo bisogno e che non riuscivo a trovare nella musica pop o country dell’epoca, ovvero la speranza stessa.  Ho sempre detto – ha continuato Bruce rivolgendosi a Nora – che Bob Dylan è stato il padre del ‘mio’ country’, ma tuo padre è stato il nonno di questo country. E’ stato l’autore della prima musica in cui ho trovato quelle riflessioni sull’America che io ritenevo vere, dove credevo che il velo fosse strappato via, e che  stessi vedendo il vero paese in cui vivevo messo a rischio per tutta quella gente come i miei amici e i miei vicini di casa. E questo mi ha portato molto, molto profondamente  in una direzione in cui, senza l’influenza di Woody, in quel preciso momento  non sarei arrivato. Avevo trent’anni e iniziammo a suonare  This Land Is Your Land ai concerti. Non so se ci sarei mai arrivato, non so se avrei mai trovato quel tipo di speranza, quel genere di dedizione, per trasformare il mio lavoro in una qualche forma di azione  e di andare un po’ più a fondo nel raccontare le storie di persone  che – l’ho sempre sentito – rimanevano spesso inascoltate”.

Parole importanti che spiegano ancora una volta – qualora ce e fosse bisogno – la differenza che c’è tra Bruce Springsteen e tutti gli altri.  Al termine della conversazione con Bob Santelli, Bruce si è esibito in quattro brani, di cui due di Woody Guthrie (“Tom Joad” e “Deportee (Plane Wreck at Los Gatos)”, e due suoi: “Across the Border” e “The Ghost of Tom Joad”. Scelta ovviamente non casuale soprattutto per quel che riguarda le canzoni di Guthrie che parlano una della brutalità della polizia americana, e l’altra di immigrazione. Due temi che ancora oggi assillano l’America e che sembrano non solo non essere stati risolti, ma addirittura neanche minimamente alleggeriti. “Le nostre leggi sull’immigrazione – ha sentenziato Bruce prima di attaccare “Deportee” – sono un casino oggi”.

Dunque, la notizia fondamentale è che presto avremo un nuovo disco di Bruce. Sognare? Sì adesso si può… Nel frattempo, ecco cosa ha detto Bruce nel momento di ricevere il premio:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

p.s. La foto in evidenza – così come il video – sono tratti da internet

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Patrizia De Rossi
Patrizia De Rossi è nata a Roma dove vive e lavora come giornalista, autrice e conduttrice di programmi radiofonici. Laureata in Letteratura Nord-Americana con la tesi La Poesia di Bruce Springsteen, nel 2014 ha pubblicato Bruce Springsteen e le donne. She’s the one (Imprimatur Editore), un libro sulle figure femminili nelle canzoni del Boss. Ha lavorato a Rai Stereo Notte, Radio M100, Radio Città Futura, Enel Radio. Tra i libri pubblicati “Ben Harper, Arriverà una luce” (Nuovi Equilibri, 2005, scritto in collaborazione con Ermanno Labianca), ”Gianna Nannini, Fiore di Ninfea” (Arcana), ”Autostop Generation" (Ultra Edizioni) e ben tre su Luciano Ligabue: “Certe notti sogno Elvis” (Giorgio Lucas Editore, 1995), “Quante cose che non sai di me – Le 7 anime di Ligabue” (Arcana, 2011) e il nuovissimo “ReStart” (Diarkos) uscito l’11 maggio 2020 in occasione del trentennale dell’uscita del primo omonimo album di Ligabue e di una carriera assolutamente straordinaria. Dal 2006 è direttore responsabile di Hitmania Magazine, periodico di musica spettacolo e culture giovanili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome