Fulci Talks, un film di Antonietta De Lillo

Dal 3 giugno 2021 al cinema arriva nelle sale il documentario su Lucio Fulci, regista di serie b oggi considerato un autore cult

0
Foto film Fulci Talks

1erranno proiettati anche due sue pellicole di grande successo, I quattro dell’Apocalisse e Sette note in nero

A venticinque anni dalla scomparsa di Lucio Fulci sarà presentato nelle sale e nelle arene estive italiane il film Fulci Talks di Antonietta De Lillo, una conversazione unica sul cinema del regista, accompagnato dalla proiezione di due suoi film, I quattro dell’Apocalisse, uno spaghetti western dalle atmosfere un po’ deliranti, ispirato a una serie di racconti dello scrittore Francis Brett Harte e Sette note in nero, il primo reale viaggio nel fantastico, in cui usando le sue doti di parapsicologa, una donna vede un delitto del quale sarebbe colpevole suo marito. Il film, presentato al 30° Noir in festival, ripercorre la carriera di questo precursore e innovatore di linguaggio, diventato oggi un autore cult, stimato da una intera generazione di registi quali Quentin Tarantino, Sam Raimi e Wes Craven. Nato a Roma il 17 giugno 1927, Fulci scomparso a 69 anni il 13 marzo 1996, è stato critico d’arte, chansonnier, sceneggiatore e poi regista esordiente nel 1959 con I ladri, interpretato da Totò e ancora autore di produzioni sempre di basso costo, dai musicarelli, I ragazzi del Juke Box e Urlatori alla sbarra, alle commedie per un pubblico semplice, da Colpo gobbo all’italiana a Le massaggiatrici, da Gli imbroglioni con Walter Chiari a Uno strano tipo con Celentano. Dopo un’esperienza nel documentario, il regista è al fianco di Steno nel realizzare decine e decine di sceneggiature e poi come autore di molte pellicole popolari, che fanno riempire per anni le sale di spettatori.  Poco considerato dalla critica, Lucio Fulci è attivo nello spaghetti-western con Tempo di massacro, Sella d’argento; nel thriller e nel mistery con Non si sevizia un Paperino, Sette note in nero); nel dramma in costume con Beatrice Cenci e ancora nell’horror, nello splatter, nel film d’avventura e in decine di commedie con la coppia Franchi e Ingrassia. Da segnalare ancora il suo Una sull’altra del 1969, che di fatto anticipa il successo di L’uccello dalle piume di cristallo di Dario Argento.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome