Shiva Baby

Commedia comica, ebraica, funebre, bisex.

0

Shiva Baby
di Emma Seligman
con Rachel Sennott, Molly Gordon, Polly Draper, Danny Deferrari, Fred Melamed.
Si vede su MUBI

Lo Shiva è un rituale ebraico di sette giorni di lutto in cui i parenti stretti del defunto ricevono visitatori. A uno Shiva arriva, trascinata dai genitori, Danielle che non sta combinando molto negli studi, che mente sul suo futuro professionale, e ha una complicata relazione con un uomo sposato e deve ancora decidere se chiudere con le sperimentazioni o decidere di essere bisex. La madre è del genere che Woody Allen definì sionista castratrice, il padre è beatamente ignaro di tutto, del defunto si parla il minimo indispensabile, ma il bello della cerimonia è che Danielle incontra tra i parenti in lutto proprio l’uomo con cui fa sesso (con tanto di moglie non ebrea, imprenditrice e figlio appena nato) e una ragazza con cui ha avuto una storia. Il mix tra ricca vita sessuale e funerali non è nuovo, ma Danielle è una comica seria e ci aggiunge un’abbondante dose di normalità, un bel contorno di bugie difficili da coordinare e persino la scocciatura di essere vegetariana a un banchetto funebre che vegetariano non è. Il tutto mentre la madre cerca di sponsorizzarla per immetterla sul mercato del lavoro (serio: perché Danielle ha velleità artistiche) e l’amica sbandiera d’aver avuto un orgasmo con lei. Il film (del 2020) è l’espansione di un corto con lo stesso titolo del 2018. La regista e sceneggiatrice Emma Seligman ha truccato l’interprete Rachel Sennott come una sua sosia. Il film si vede su MUBI

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome