Jack Savoretti: “Europiana è la mia anima allo specchio”

0

Sensibile, raffinato e ironico, costantemente diviso tra la sua anima british e quella ligure data dalle sue origini italiane di cui va estremamente orgoglioso. A due anni dal successo di “Singing to strangers”, che ha debuttato al primo posto nella classifica UK, e dopo il brano solidale “Andrà tutto bene”, il suo primo singolo in italiano scritto insieme ai fan, Jack Savoretti torna venerdì 25 giugno con il suo nuovo disco di inediti Europiana

Anticipato dal singolo “Who’s Hurting Whofeat. Nile Rodgers, “Europiana” è un album che vuole far ballare, sorridere e ricordare, grazie ad un sound vintage ma allo stesso tempo moderno. Il titolo è infatti utilizzato dall’artista proprio per racchiudere e raccontare l’eleganza e lo stile romantico europeo, in particolare quello di Italia e Francia degli anni ’60/’70. Le spiagge dorate, il cielo limpido, la musica del piano bar e un bicchiere di vino al tramonto sono le suggestioni che il nuovo album di Jack Savoretti porta con sé. Nostalgico ma attuale, non si limita infatti a raccontare le esperienze dell’artista, ma si arricchisce di altri personaggi e di concetti più ampi, di cui l’artista si fa portavoce. 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

“Nel disco c’è gente che ha cambiato la musica in America.”- racconta Jack. “ Negli anni ’70 grazie a loro è arrivata la possibilità di ritmo, di modo di cambiare. Da qui è nato Europiana, un mix tra la musica europea e quella americana. L’anno scorso abbiamo trovato 10 giorni liberi ad Abbey Road e siamo tornati a fare ciò che amiamo fare. É stato molto emozionante, c’è un ‘energia che non sono riuscito a catturare negli album precedenti. Sembrava impossibile finire questo album. C’è tanto sudore e sangue, celebra le liberà e sono felice di averlo fatto in questo periodo. “

“Europiana” ha preso vita nella casa dell’artista, in cui lui e la sua band si sono riuniti per scrivere l’album, trasformando il salotto in uno studio di registrazione e racchiudendo un sentimento genuino di condivisione e complicità. Centrale all’interno dei testi è l’elemento della famiglia e del suo valore, riscoperto una volta in più da Jack Savoretti nel periodo di pausa dopo i due anni più intensi della sua carriera. Un concetto che l’ascoltatore può ritrovare nella decisione di far registrare i cori di ben tre brani alla moglie e ai figli, che hanno preso così attivamente parte all’album, arrangiato dal violinista e grande amico Phil Granell. La produzione è stata affidata al celebre produttore Cam Blackwood, che aveva già lavorato alla realizzazione di “Singing to Strangers”.

Un lavoro in un momento di grande stress ma estremamente intenso e con la presenza di un artista fondamentale per il cantautore: “I motivi della presenza di Nile Rodgers nell’album sono tanti. Ho sempre cercato di suonare la chitarra con il suo stile. Per me era importante spiegargli cosa stessi cercando di fare con il mio album. “Europiana” deve molto a lui, e ha trascorso tantissimo tempo in Italia negli annni 70. Quella era già una musica underground, da discoteca, e i cantautori come Battisti o Patty Pravo hanno preso molto da questa musica disco. Non avremmo avuto avuto gli Abba, Giorgio Moroder senza questo tipo di musica. “Europiana” è la musica cantautorale europea che si scontra con la disco. Questa musica va visualizzata. A chi la ascolta verrà in mente la musica all’aperto, il sale sulla pelle, l’aperitivo al tramonto, tutte sensazioni europee.”- spiega Jack. “Volevo che ci fossero più stili. La musica europea non ha una sola faccia ed è totalmente influnzata dalla musica americana. Basti pensare ai Maneskin, o ai rapper napoletani. Un’artista “europiana” per me è Clara Luciani, per esempio.”

Un lavoro che parte soprattutto dalla consapevolezza di sè e dell’amore per la famiglia, nato in un momento difficile per tutti come quello della pandemia ma da cui Jack è riuscito a trarre il meglio, soprattutto per i suoi figli: “I remember us è il momento di realizzazione dove ci siamo trovati in questa nuova realtà e tutto fuori era spento. Eravamo diventati solo noi, senza divise, quelli che siamo in casa. Ci stavamo ricordando di chi eravamo quando ci siamo incontrati io e mia moglie. La famiglia mi ha fatto capire come la musica ti fa sentire. Ho visto ansia nei miei figli e allora ho trasformato tutto in un gioco, spostando la loro attenzione su un evento a settimana. Una festa per distrarli dal mondo fuori, suonando Battisti, Julio Iglesias…cercavo di fare la colonna sonora di un’estate che loro non potevano vivere. Così ho fatto un album che suonasse così, che regalasse positività a chi lo ascolta. I miei ricordi più belli li collego al mare, anche con i miei figli. La vacanza estiva è la cosa che desiderano di più. Il mediterraneo è importante per me, è la chiave della nostalgia della mia felicità.” Un altro brano particolarmente importante per Jack è Secret Life:  “Credo che sia mettere le vite privata e professionale insieme che fanno la vita vera. Per accettarsi con tutti i nostri lati. Questa canzone è “birichina”. Mia moglie dice “io non dico niente se tu non dici niente”. Questa canzone può essere vista in tantissimo modi e la vita segreta possiamo averla anche con chi ci ama.”

Jack è riuscito sempre a trovare la consapevolezza proprio nella musica, così come la verità: “Credo che posso dire la verità con la musica. Anche se provo a mentire, scrivendo non riesco. Per questo ho molto rispetto per la musica. Non è una decisione cosciente.Non cerco la verità, forse perchè so che se voglio saperla basta che vado a suonare. Per sapere come sto vado al piano, prendo la chitarra o schiaccio play. É lo specchio dell’anima.”

 

 

TRACKLIST

 

  1.  I Remember Us
  2.  Secret Life
  3.  Who’s Hurting Who
  4.  When You’re Lonely
  5.  More Than Ever
  6. Too Much History
  7.  Dancing in The Living Room
  8.  Each and Every Moment
  9.  The Way You Said Goodbye
  10.  Calling Me Back To You
  11.  War of Words

L’artista è pronto a tornare live nel 2022 partendo dall’Italia e toccando tutta Europa per presentare il nuovo album. Ecco le date annunciate al momento:

Europiana Live”

venerdì 25 Febbraio 2022 – TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI – MILANO, ITALY 

lunedì 28 Febbraio 2022 – TEATRO VERDI – FIRENZE, ITALY

martedì 1 Marzo 2022 – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA, SALA SINOPOLI – ROMA, ITALY

sabato 5 Marzo 2022 – TEATRO EUROPAUDITORIUM – BOLOGNA, ITALY

domenica 20 marzo 2022 – VOLKSHAUS – ZÜRICH, SWITZERLAND

lunedì 21 marzo 2022 – MELKWEG – AMSTERDAM, NETHERLANDS

giovedì 24 marzo 2022 – PLYMOUTH PAVILIONS – PLYMOUTH, UNITED KINGDOM

venerdì 25 marzo 2022 – MOTORPOINT ARENA – CARDIFF, UNITED KINGDOM

domenica 27 marzo 2022 – THE CENTAUR – CHELTENHAM, UNITED KINGDOM

lunedì 28 marzo 2022 – SYMPHONY HALL – BIRMINGHAM, UNITED KINGDOM

giovedì 31 marzo 2022 – O2 CITY HALL – NEWCASTLE UPON TYNE, UNITED KINGDOM

sabato 02 aprile 2022 – SHEFFIELD CITY HALL – SHEFFIELD, UNITED KINGDOM

domenica 03 aprile 2022 – THEATRE ROYAL CONCERT HALL – NOTTINGHAM, UNITED KINGDOM

martedì 05 aprile 2022 – USHER HALL – EDINBURGH, UNITED KINGDOM

mercoledì 06 aprile 2022 – O2 ACADEMY GLASGOW – GLASGOW, UNITED KINGDOM

venerdì 08 aprile 2022 – BONUS ARENA – KINGSTON UPON HULL, UNITED KINGDOM

domenica 10 aprile 2022 – O2 APOLLO MANCHESTER – MANCHESTER, UNITED KINGDOM

martedì 13 aprile 2022 – EVENTIM APOLLO HAMMERSMITH – LONDON, UNITED KINGDOM

BIGLIETTI:

24hrs Fan Club Presale: Giovedì 17 Giugno 2021, h. 10:00 

Messa in vendita solo online per 5 gg: Venerdì 18 Giugno, h. 11:00

Messa in vendita nei punti vendita: Mercoledì 23 Giugno, h. 11:00

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome