I Måneskin sui cartelloni di Times Square, alla conquista dell’America

2

Dopo l’Eurovision l’ascesa internazionale dei Måneskin sembra non avere fine. I quattro ragazzi romani nell’ultimo mese si sono fatti conoscere in tutto il mondo, raggiungendo la vetta della classifica hard rock americana con I wanna be your slave. Il resto è “già storia”: il New York Times poco più di due settimane fa si chiedeva se la band sarebbe riuscita a “conquistare il mondo”. La risposta sembra servita: i Måneskin sono sui cartelloni di Times Square a New York. Per celebrarne gli incredibili risultati, da oggi e per i prossimi sei giorni, la band romana sarà protagonista del billboard di Spotify a Times Squarecon la playlist This is Måneskin.

Il logo di Spotify accompagna la gigantografia dei quattro e fa da cornice a un’escalation senza eguali. Proprio su Spotify i ragazzi romani “hanno battuto” anche i Beatles, superando il numero di ascoltatori mensili dei Fab Four (28 milioni Vs 24 milioni e mezzo).

Intervistati da Spotify, gli artisti hanno parlato della vittoria all’Eurovision 2021:
Dopo la nostra vittoria al Festival di Sanremo, eravamo entusiasti di avere l’opportunità di partecipare all’Eurovision, che è un evento musicale enorme. È stata un’esperienza incredibile, perché abbiamo incontrato tante persone da Paesi diversi. È stato molto divertente ed è stato anche un ambiente sano in cui stare, non abbiamo sentito la competizione. Quando abbiamo avuto la possibilità di esibirci sul palco e di suonare durante la finale, è stata un’emozione indimenticabile per noi ed è stato fantastico poter finalmente suonare davanti al pubblico in presenza dopo due anni.”

E sull’incredibile successo che stanno riscuotendo in tutto il mondo:
“Controlliamo costantemente le classifiche Spotify per monitorare i nostri risultati e siamo ancora increduli dei risultati pazzeschi e del grande successo che stiamo riscuotendo!
 Inoltreabbiamo appena terminato un tour in tutta Europa, incontrando molti fan in ogni paese in cui siamo andati, e siamo davvero felici di questo.

I nostri occupano la top ten dei singoli in Inghilterra con I wanna be your slave e Beggin (da Chosen, ep d’esordio del 2017): rispettivamente quarto e terzo posto.
Damiano, Victoria, Ethan e Thomas hanno messo in fila certificazioni su certificazioni anche in Polonia, Irlanda e Turchia, e sono gli artisti italiani più ascoltati al mondo: sesti e undicesimi nell’ultima settimana Spotify, ancora con Beggin e I wanna be your slave.

E il disco uscito a marzo? Teatro d’ira V.I è ancora sul podio degli album più venduti in Italia. Måneskin-mania to be continued.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome