La terra dei figli, un film di Claudio Cupellini in anteprima a Milano

Lunedì 5 luglio 2021 alle ore 20.00 all’Anteo Palazzo del Cinema, la proiezione del film alla presenza del regista e degli interpreti Leon De La Vallée e Paolo Pierobon

0
Foto film La terra dei figli

La pellicola è liberamente tratta dall’omonimo graphic novel di Gipi

Ambientato in un futuro post-apocalittico, dove ormai la civiltà è finita, La terra dei figli presentato fuori concorso al Taormina Film Fest, ha come protagonisti un padre e suo figlio di quattordici anni sopravvissuti miracolosamente. I due vivono su di una palafitta in riva a un lago lottando ogni giorno contro altri uomini abitanti di un mondo regredito.  Il padre affida allora a un quaderno i propri pensieri, che il figlio dopo la sua morte, cercherà di decifrare compiendo un lungo viaggio alla ricerca di qualcuno, che in quelle pagine misteriose possa svelargli un passato che non conosce. Tra gli altri interpreti Maurizio Donadoni, Valerio Mastandrea, Valeria Golino.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome