Le 52 foto ritrovate di David Bowie (3 sono in vendita)

0
David Bowie
@Vernon Dewhurst

In occasione del 52esimo anniversario della pubblicazione di Space Oddity di David Bowie la Wall of Sound Gallery di Alba propone le fotografie che Vernon Dewhurst realizzò con Bowie nel 1969 per la copertina del suo secondo album.David BowieDewhurst ha recentemente recuperato i negativi originali della sessione, di cui rende disponibili solo tre varianti della fotografia originale. A queste si aggiunge l’elaborazione grafica utilizzata per la copertina del disco, ispirata ai quadri di Victor Vasarely. È possibile che in futuro possano “affiorare” altre immagini della session ma per ora viene proposta soltanto questa prestigiosa selezione: dell’immagine di copertina (versione Vasarely) sono ancora disponibili solo 9 esemplari in una edizione limitata di soli 30 pezzi, il cui prezzo potrebbe aumentare molto presto.

Ecco il racconto di Dewhurst del suo incontro con Bowie: «Ho conosciuto David Bowie nel 1967 o 1968, quando vivevo in un appartamento in comune con altri a Clareville Grove, South Kensington. La stanza di David era all’ultimo piano e ci viveva con la sua fidanzata, Hermione. Spesso andavo a trovarlo per una sigaretta ed un bicchiere di vino e per ascoltare le sue ultime canzoni. Fu lì che ascoltai per la prima volta Space Oddity. David mi invitò nel suo Arts Lab, a Beckenham, e lì lo fotografai durante una sua performance. Quando vide le foto, mi chiese di venire ad incontrare Calvin Mark Lee alla Mercury Records per discutere della copertina del suo secondo LP. Entrambi avevano questa idea della testa di David che emergeva da uno sfondo stile Op Art alla Vasarely, ma non erano sicuri su come si potesse realizzare. Dissi loro che la cosa era fattibile. David venne nel mio studio in St. Michael Street, a Paddington, e gli scattai tre rullini di Ektachrome con la mia Hasselblad. David posava con naturalezza: era sicuro di sè, rilassato, divertente. Dopo alcuni tentativi andati a vuoto realizzai il montaggio richiesto. Sarebbe stato certo più semplice con Photoshop!».

David Bowie
@Vernon Dewhurst

Vernon Dewhurst si è diplomato alla Regent Street Polytechnic School of Photography nel 1966, aprendo il suo primo studio a Dublino. Dopo un anno era a Londra, al lavoro come fotografo di moda e beauty nel famoso Studio Five a Mayfair. Nello stesso periodo condivideva in Clareville Grove, South Kensington, un appartamento con Bowie. Nel 1969, poche settimane dopo che una sua fotografia fu selezionata per la copertina di Space Oddity, Dewhurst si trasferì a Parigi dove lavorò per “Marie-Claire”, “20 Ans”, “Elle”, Pierre Cardin, Yves Saint-Laurent, fotografando molte star francesi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome