I Måneskin sfidano i tabù sul sesso con il video di I wanna be your slave

0

È online il nuovo video dei Måneskin. Dopo le prime immagini (e una breve clip) condivise nei giorni scorsi, la band pubblica oggi l’atteso video di I wanna be your slave. L’appuntamento con la première della clip è per le ore 19.

Il video, disponibile sul canale Youtube dei  Måneskin, conferma la volontà dei quattro di stupire e ribadire la propria libertà. D’altronde il singolo è un inno alla sessualità libera, slegata da ogni inibizione. Il video ne segue chiaramente la scia. Farà discutere? Ai perbenisti di certo.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nel corso di un’intervista in Svizzera, nuova tappa del tour promozionale europeo, i Måneskin spiegano chiaramente il significato del video. «Il pezzo parla sì di sesso e di come possa essere anche varia e disparata la sua interpretazione. Abbiamo voluto rappresentare svariate scene che nell’immaginario comune possono risultare comunque strane o disturbanti proprio per mostrare che nella vita di molte persone sono la normalità malgrado ci siano ancora molti tabù e diversi di stigmi», chiarisce Damiano.

«È proprio il fatto che ci sia una mentalità del genere che rende necessario questo tipo di messaggio. Se tutti fossero già aperti e questi stigmi non ci fossero, non ci sarebbe neanche la necessità di parlarne, mentre purtroppo non è affatto così, specialmente in Italia. Per noi è un argomento importante e speriamo di fare anche una minima differenza», rilancia Victoria.

Intanto il brano (da Teatro d’Ira- Vol.I, disco di platino), uscito come singolo lo scorso 18 giugno, ha già scalato le classifiche in Italia e all’estero, collezionando una sfilza di dischi di platino e oro. I wanna be your slave è anche in top ten nella classifica UK e nella Billboard Hot Hard Rock Songs negli Stati Uniti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome