La Nouvelle Vague in 6 capolavori in versione originale a Milano

Dal 6 agosto al 2 settembre 2021 alla Cineteca Milano Meet un omaggio alle opere senza tempo dirette da Godard, Resnais e Truffaut

0
Foto film Tirate sul pianista

Il movimento culturale francese che ha rinnovato il linguaggio cinematografico

È l’estate del 1956 quando in un appartamento parigino, quello di Claude Chabrol, alcuni giovani ed entusiasti cineasti, Godard, Resnais, Rohmer, Truffaut e Malle, si ritrovano per discutere il futuro del cinema francese.  In casa Chabrol, quell’estate Jacques Rivette gira il cortometraggio Le coup de berger, interpretato anche da Truffaut, che l’anno successivo realizzerà il suo primo corto Les mistons. Coinvolto da questo fervore creativo, lo stesso Chabrol si lancerà nel 1958 nell’avventura del lungometraggio con Le beau Serge. Esplode così alla fine degli anni Cinquanta il mito della Nouvelle Vague, la “nuova ondata”, termine coniato dalla giornalista Francoise Giroud, ispirato dall’ardore creativo della rivista Cahiers du cinéma. Per rendere omaggio al movimento culturale che ha rinnovato il linguaggio cinematografico, la Cineteca Milano Meet (via Vittorio Veneto, 2), ci propone nove capolavori da rivedere. Di François Truffaut vedremo I quattrocento colpi (1959), per il quale il regista vinse al Festival di Cannes il premio per la migliore regia, Tirate sul pianista (1960) e l’intramontabile Jules e Jim (1961). Di Alain Resnais in calendario Hiroshima mon amour (19599, sceneggiato da Marguerite Duras, candidato all’Oscar. Protagonista della rassegna con altri due capolavori è Jean-Luc Godard con Il disprezzo (1963) e l’imperdibile Una donna sposata (1964). Biglietto 7.50 Euro.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome