Josep

A disegni animati la storia di Josep Bartoli, illustratore, antifranchista

0

Josep
di Aurel

 

Selezione Ufficiale a Cannes 2020, Miglior Film d’Animazione European Film Awards 2020 e César 2021.
In sala il 30 e 31 agosto e 1 settembre.

 

È un film di animazione, molto raffinata, è una biografia vera, è un romanzo, è una bella operazione. La vita di Josep Bartoli, illustratore, che dopo la sconfitta repubblicana fugge dalla Spagna per finire nei campi di concentramento al confine con la Francia., una terra di nessuno assediata da due fascismi in attesa della seconda guerra mondiale. È una storia raccontata da un nonno moribondo a un nipote annoiato ma con doti artistiche. Il nonno era un gendarme a guardia dei prigionieri spagnoli, non aveva una posizione politica, ma sviuppa un’empatia nei confronti di questi senza patria dilaniati dall’anarchismo, dal comunismo, dal trotskismo e dal razzismo di una Francia che suona faticoso credere patria di liberte egalité eccetera. Aspro, a tratti lirico, a tratti duro fino alla crudeltà, con una gran bella colonna sonora e una serie di idee estetiche (che attorniano i veri disegni dal campo di concentramento di Josep) a volte coltissime ma mai velleitarie. Per provare emozioni senza etichette. Fate in fretta, sta fuori 3 giorni

qui il trailer

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome