Venezia 78. Halloween Kills

Dodicesima puntata della saga di Mike Myers che si rialza sempre

0

Mike Myers è vivo e uccide ancora. Nonostante quello che gli è successo nella puntata precedente ove sembrava battuto. Questa è la dodicesima puntata del massacro iniziato ad Haddonfield il giorno di Halloween del 1978 (ai tempi opera di John Carpenter), e praticamente vi abbiamo raccontato il film. Per chi fa collezione di massacri di Halloween allora sappia che dopo un paio di flahback del passato che spiegherano alcune rivelazioni finali, la vicenda segue da una parte il mostro che ammazza tutti senza grande fantasia e dall’altra la babysitter del primo film, Laura Strode (Jamie Lee Curtis) che adesso è nonna (è anche produtrice), è in ospedale con una brutta ferita al ventre, circondata da figlia e nipote e in stanza con un ex amore,  e che  è sicura di aver eliminato Myers. Per rinvigorire la sceneggiatura  alcune mancate vittime di Myers aizzano il popolo a eliminare il male in una specie di linciaggio isterico con l’unico risultato di far eliminare di tutto di più ma non Myers. Forse è la parte politica del film per dire di diffidare dei populismi anche nell’horror. Qualche ritocco di politicamente corretto e per il resto un repertorio di ammazzamenti. Forse il disegno nascosto è portare lo spettatore a tifare per Myers . Ci sarà sicuramente un’altra puntata. Il regista David Gordon Green ha diretto anche l’ultimo Halloween del 2018

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome