I FASK raccontano il nuovo album “É già domani” e festeggiano i 10 anni di carriera

0
fask nuovo album è già domani

È già domani.  Si intitola così il nuovo album dei Fast Animals and Slow Kids, in uscita venerdì 17 settembre: sarà disponibile in diverse versioni fisiche (CD standard e vinile in diversi formati) oltre che in tutti gli store digitali.

Non è l’unica notizia per il pubblico della band: sono state rese note anche le date degli instore, con un primo appuntamento al Teatro della Pergola di Firenze il prossimo 17 settembre,  e del tour, che partirà il 7 aprile 2022 dal Campus Industry Music di Parma.
Quest’ultimo progetto discografico, anticipato dai singoli Come un animale, Cosa ci direbbe (featuring Willie Peyote), Senza Deluderti e Una stupida canzone (uscirà in contemporanea con l’album), segna il traguardo dei 10 anni di carriera.

“É un disco ‘strano’ perchè è iniziato in una maniera ed è finito in un altro e nel frattempo è esploso il mondo… – racconta Aimone Romizi, voce della band – Abbiamo incrociato una serie di emozioni, pensieri, anche contrastasti, quindi anche sintetizzare tutto il processo creativo in un titolo è stato particolarmente lungo: il senso è cristallizzare questi momenti, gli eventi, e inserirli all’interno di un titolo che fosse presente all’inizio e alla fine del disco”.

Durante questi due anni di produzione dell’album, la band ha riposizionato al centro dei propri pensieri il concetto di tempo, inteso come una relazione tra presente e futuro: É già domani  è ciò che accade ogni giorno, mentre É già domani ora  è quello a cui siamo arrivati.

L’essenza di questo disco è stata dettata dal bisogno umano di fermare, anche per il tempo di un solo brano, le proprie vite, costruendo così un “album fotografico”, come ha sottolineato la band.

“..La fortuna dell’ essere musicista è avere tra le mani una cronistoria sotto forma di canzoni…Al posto di guardare Facebook, Instagram e le nostre foto di ragazzini, noi ascoltiamo i nostri dischi e quest’anno ci siamo chiesti tante volte quando sarebbe uscito l’album”.

Tra i titoli della tracklist, il pubblico dei Fask noterà che manca una canzone: Conchiglie.

Perchè? Ecco cosa ha risposto Aimone: “É  un pezzo davvero doloroso per noi e lo abbiamo fatto uscire per bisogno fisico. Ci siamo promessi che non l’avremmo mai più suonato né ascoltato. Ci fa vivere momenti a cui non vogliamo più tornare. È un brano che non ha bisogno del supporto di un disco”.

Un nuovo album, tour, ma Sanremo? Il nome dei Fask, in effetti, circola già dalla scorsa edizione. Ci sono possibilità?

“Il Festival è diventato molto più rappresentativo, non più solo del ben canto…ci siamo resi conto che e se vuoi fare questo mestiere, prima o poi dovrai confrontarti con quel palco…ma lo faremo  quando ci sarà un pezzo bello, non significa sanremese, tosto e sinbolo di questi 10 anni…ci proveremo anche per vedere se le spalle reggono ad un palco come quello: è importante mettersi sempre in gioco….Nella mia testa, per anni, ho sognato un’orchestra che suonava per te, ma non vogliamo tuffarci in futuro troppo lontani, ecco”.

I Fask: Aimone Romizi (voce, chitarra, percussioni), Alessio Mingoli (batteria, seconda voce), Jacopo Gigliotti (basso) e Alessandro Guercini (Chitarre) nuovamente in studio dopo il precedente album del 2019 “Animali notturni” (che aveva debuttato nella top10 FIMI-GFK).

L’album è stato prodotto da Matteo Cantaluppi e i FASK (l’acronimo utilizzato dai fan), registrato da Cantaluppi e Ivan Antonio Rossi (che ha curato anche il missaggio) e masterizzato da Giovanni Versari.

La tacklist di È già Domani: È Già Domani, Stupida Canzone, Cosa ci direbbe, Lago ad alta quota, Fratello mio, Senza Deluderti, Come un animale, Rave, Un posto nel mondo, In vendita, Portami con te, È già domani ora.

Fask, l’intervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

FASK, le date degli instore tour:

  • 17 settembre – FIRENZE – ore 21:00 TEATRO DELLA PERGOLA (Via della Pergola, 12/32)
  • 18 settembre BARI – ore 17:00 FELTRINELLI (via Melo 119)
  • 19 settembre NAPOLI – ore 16:00 MONDADORI Bookstore (via Degli Acquari)
  • 19 settembre ROMA – ore 22:00 MOLO ZERO (via Capo prato snc)
  • 20 settembre PERUGIA – ore 17:30 T-TRANE (Borgo XX Giugno, 44)
  • 20 settembre CESENA – ore 22:00 LA FRAGOLA DE BOSCH (via Sotto Rigossa 1321)
  • 21 settembre VERONA – ore 18:00 FELTRINELLI (via Quattro Spade, 2)
  • 21 settembre PADOVA – ore 22:00 PARCO DELLA MUSICA (via Venezia, 40)
  • 22 settembre MILANO – ore 18:00 MONDADORI Megastore (Piazza Duomo)
  • 22 settembre BERGAMO – ore 22:00 SPAZIO POLARESCO (via del Polaresco, 15)
  • 23 settembre BOLOGNA – ore 18:30 KINOTTO BAR (via Sebastiano Serlio, 25/2)
  • 23 settembre MODENA – ore 22:00 MONDADORI Bookstore c/o Cinema Victoria (via S.Ramelli, 101)
  • 24 settembre GENOVA – ore 17:30 FELTRINELLI (via Ceccardi, 16-24 R)
  • 24 settembre TORINO – ore 22:00 OFF TOPIC (via Giorgio Pallavicino, 35)

FASK, É già domani tour: le date

  • 7 aprile 2022 – PARMA- Campus Industry Music
  • 9 aprile 2022- BOLOGNA – Link
  • 12 aprile 2022 –  PADOVA – Hall
  • 15 aprile 2022  – FIRENZE  – Tuscany Hall
  • 19 aprile 2022 – TORINO – Teatro della Concordia
  • 30 aprile 2022 – NAPOLI – Casa della Musica
  • 3 maggio 2022  – ROMA  – Atlantico
  • 6 maggio 2022 – MILANO – Fabrique

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome