X Factor 2021, prima puntata senza eliminazioni. Emma: «Dal Senato immagini imbarazzanti»

0
X Factor

C’era tanta, tantissima curiosità per la prima puntata di X Factor 2021, andata in scena stasera al Teatro Repower di Assago, con diretta su Sky, Now Tv e pure TV8. La curiosità era tutta per Ludovico Tersigni, nuovo conduttore chiamato a raccogliere la scomoda eredità di Alessandro Cattelan. Senza strafare, di rosso vestito, se l’è cavata più che bene, dimostrando di avere il piglio giusto per dettare i tempi del programma.

Confermati i quattro giudici del 2020, l’altra grande novità della stagione è l’abolizione delle categorie, sostituite da più generici roster. Emma, Hell Raton, Mika e Manuel Agnelli, durante la lunga fase di audizioni, bootcamp e home visit, hanno potuto selezionare i talenti che preferivano senza dover sottostare a particolari vincoli (salvo quello di scegliere almeno una band ed almeno un artista singolo).

Tra i dodici concorrenti scelti figurano cinque band e solo due donne, elemento che ha infiammato la vigilia con qualche polemica. Dentro ci sono (tanto) rock e pop, un po’ di autotune qua e là, rap poco o nulla e poi una proposta fuori da ogni schema come quella di Erio, da molti indicato come il favorito per la vittoria finale. Originale lo è e personalità ne ha da vendere, ma ora bisogna capire se piacerà anche al pubblico. Le alternative, di certo, non mancano, quest’anno il lotto dei partecipanti sembra davvero competitivo.

Come già avvenuto lo scorso anno, in questa prima puntata i talenti si sono subito cimentati con un loro inedito. A fine programma, scoccata la mezzanotte, è uscito sulle piattaforme digitali X Factor Mixtape Vol. 2, “compilation” che raccoglie tutte le canzoni. Una curiosità: dopo aver affrontato le selezioni con il suo vero nome, Edoardo Spinsante da stasera ha scelto di farsi chiamare Baltimora. «È il titolo della prima canzone che ho pubblicato», ha detto qualche giorno fa nel motivare la novità.

La puntata si è aperta (e chiusa) sulle note di Born Slippy, poi Tersigni ha presentato la giuria. E subito è entrata in scena l’attualità. È stata Emma ad accendere le polveri, ricordando la bocciatura del ddl Zan. «Immagini imbarazzanti dal Senato», ha detto parlando a nome di colleghi e programma. Subito dopo le ha dato manforte Mika: «Questa non è l’Italia che amo, quella che mi ha accolto e difeso in questi ultimi anni». Esaurito lo spazio attualità, la musica è tornata protagonista.

Questo l’ordine d’uscita della prima manche:
Bengala Fire: Valencia
Baltimora: Altro
Nika Paris: Tranquille (Mon coeur)
gIANMARIA: I suicidi
Westfalia: Goblin
Versailles: Truman Show

Poi è toccato all’ospite della serata, Carmen Consoli, accompagnata per l’occasione da Marina Rei alla batteria e Max Gazzè al basso.

L’ordine d’uscita della seconda manche:
Mutonia: Rebel
Fellow: Fire
Vale LP: Chéri
Karakaz: Useless
Erio: Amore vero
Le Endrigo: Cose più grandi di te

Non ci sono state eliminazioni questa sera, ma solamente sono stati resi noti i tre meno votati per ciascuna delle due manche: per la prima Westfalia, Versailles e Bengala Fire; per la seconda Vale LP, Mutonia e Karakaz.

A giudizio di chi scrive, il singolo più figo è quello de Le Endrigo, un pop-punk come lo ha definito Manuel Agnelli, che sembra fatto per spopolare in radio.

I voti di questa sera saranno sommati con quelli della seconda puntata di giovedì prossimo, interamente dedicata alle cover, al termine della quale ci sarà la prima eliminazione. In totale quest’anno le puntate saranno sette, l’ultima il 9 dicembre al Forum d’Assago, con i Coldplay come ospiti.

Questi i nomi dei concorrenti in gara:
Giudice Emma: gIANMARIA, Le Endrigo Vale LP
Giudice Hell Raton: Karakaz, Baltimora, Versailles
Giudice Mika: Fellow, Nika Paris, Westfalia
Giudice Manuel Agnelli: Bengala Fire, Erio, Mutonia

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome