Mutonia (X Factor): «Essere ribelli significa essere sinceri»

0
mutonia x factor

“La sincerità è una forma di ribellione”. È l’idea dei Mutonia che hanno superato tutti gli step delle audizioni di questa edizione di XFactor, arrivando così alla serata del primo live.

Sul palco, tra scariche di adrenalina e ritmo marziale, hanno suonato il loro inedito dal titolo Rebel, contenuto nell’album X Factor Mixtape Vol. 2.

“Rebel è un brano introspettivo, ma si può associare a cosa può provare chiunque in una determinata situazione – racconta la band durante la nostra intervista – È una situazione in verosimile in cui possono trovarsi tutti, un periodo un po’ giù, un po’ down e il testo dice che non siamo ribelli quando ci rifiutiamo di ascoltare quella voce che ci dice di stare lì a piangerci addosso…è una canzone che i fa reagire”.

Il pezzo, prodotto dallo stesso Manuel Agnelli, che li ha scelti per la sua squadra, insieme a Rodrigo D’Erasmo e Daniele Tortora, si allontana dalle linee desiderate dallo mainstream, accogliendo, invece le sonorità sporche e crude del genere rock.

“Il suono è il linguaggio di questi ragazzi”, afferma Agnelli dopo l’esibizione della prima puntata, ma cosa significa esattamente? Ecco come hanno risposta i Mutonia:

“Noi siamo tre individui…abbiamo un suono di basso mostruoso che negli anni non è mai cambiato, il suono della chitarra, la voce che si adatta a quello che deve comunicare e il tocco della batteria è veramente preciso…tanta ignoranza e tanta aggressività”.

I dettagli, nella nostra intervista…

Mutonia, intervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mutonia: biografia

I Mutonia, Matteo De Prosperis (Prostin), Lorenzo Riccobene e Fabio Teragnoli hanno 27, 26 e 25 anni e vengono dal Lazio. Si presentano alle Audizioni con il loro singolo “Nervous breakdown”, attirando l’attenzione di Manuel, ma senza farlo sentire abbastanza provocato. Manuel comunque riconosce la loro sincerità nel fare musica e decide di dare loro una seconda possibilità, con la promessa da parte della band di stupirlo la prossima volta. Promessa rispettata durante i Bootcamp, dove hanno portato una cover di “Rumour has it” di Adele, ricevendo i complimenti inaspettati del giudice. La sfida successiva è quella di proporre qualcosa di nuovo, facendoli uscire dagli schemi. Agli Home Visit i Mutonia portano così una cover di “Psycho Killer” dei Talking Heads, convincendo definitivamente Manuel Agnelli e conquistando il pass per i Live di X Factor 2021.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome