The French Dispatch

Da Wes Anderson un film in forma di rivista, forse il New Yorker, chic snob e delizioso

0

The French Dispatch
di Wes Anderson
con Benicio Del Toro, Adrien Brody, Tilda Swinton, Léa Seydoux, Frances McDormand

Se Grand Budapest Hotel era un film in forma di Grand Hotel, fatto di storie e di stanze, The French Dispatch è un film in forma di rivista, con la grafica, le storie, i pezzi e perfino gli obituaries (non banali necrologi, ma pezzi letterari in morte di qualcuno) di una rivista che un americano degli anni Venti poteva aprire in Francia per far sapere com’era la Francia agli abitanti del Kansas. E guarda un po’ sembra il New Yorker, con personaggi che ricordano firme e scrittori gloriosi. Il massimo dello snobismo. Tutti buffi, tutti sfottuti con intelligenza: tutti un po’ marionette o animazioni umane in un tripudio grafico che oltre a ricordare nello stile inconfondibile tutti gli altri film di Anderson (cinema architettonico, o da installazione museale) è un continuo rilancio ai deliziosi libri fotografici con cui Anderson continua i suoi film come un allegro ricordo cimiteriale. Ci sono storie di cuochi leggendari che sconfiggono rapitori di bambini, di giornaliste che si immergono negli articoli e nei letti di studenti rivoluzionari, di pittori killer amanti delle loro secondine nel manicomio criminale: c’è persino il ritratto post mortem del direttore seppellito con la macchina per scrivere. Potete fare gare a chi riconosce più firme mitiche e aneddoti per addetti ai lavori oppure godervelo in una meravigliosa incoscienza. È un film snob? E vivaddio, sì, finalmente, un film estetico, simmetrico, sfizioso, esasperato, lezioso e delizioso (anzi, de-lezioso, inventiamoci un neologismo). Può scatenare amori o odi feroci ed è al di sopra dei premi. Ah, Anderson sostiene di aver messo in questo film tutto il suo amore per L’oro di Napoli di De Sica.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome