Elisa e il suo ritorno a Sanremo: “La musica che faccio mi serve per smuovere tutto”. Jovanotti probabile ospite delle serata cover

0

“La vita è tutto fuori che teoria. Chi avrebbe mai immaginato il mondo degli ultimi due anni? Io no di sicuro. La musica che faccio ha per me una caratteristica principale, è reattiva. Mi serve per smuovere tutto, e serve a me per prima.

Il messaggio di questo doppio album si spiegherà canzone dopo canzone, video dopo video, concerto dopo concerto. Immagino tutto questo da due anni. Ci lavoro ininterrottamente da allora. L’album non può che essere un doppio. L’inglese è la culla da dove vengo, non ho potuto nè voluto lasciarlo andare. Ne ho scritte almeno quindici… Ho lavorato su un’altra quindicina di canzoni in italiano. Modi classici e modi totalmente nuovi, stesso dna, ma altri linguaggi e strumenti.

Il buio, il fuoco, il desiderio. La musica va uccisa per far sì che rinasca. Gino lo sa che quel libro mi è servito tanto. In questi due anni la pratica, e zero teoria. Come quando arriva la tempesta, e con lei l’istinto di sopravvivenza scatenato da condizioni più pericolose. L’istinto, la risposta. La reazione. Torniamo lì.

È successo di tutto per scatenare questa quantità di reazioni. Abbiamo scritto una delle canzoni migliori dell’album su facetime, in lockdown, nei giorni più bui dello scorso inverno, io credo, per reazione.

Ne ho scritta un’altra che ho tenuto in un cassetto per anni, il suo destino era di aspettare Sanremo e il 2022 per incontrarvi.

Sarà un momento importante di questo viaggio appena iniziato, e ce ne saranno altri… Intanto ci vediamo a Sanremo! The rumors were true!”

Racconta così Elisa la sua partecipazione al prossimo Festival di Sanremo con un post sui suoi social, che è solo uno dei tasselli di un mosaico, il nuovo progetto discografico, a cui l’artista lavora da due anni. Da diversi giorni ormai si parlava insistentemente di un ritorno a Sanremo dell’artista di Monfalcone dopo la vittoria nel 2001 con il brano Luce (tramonti a Nord Est), brano ormai diventato un classico della misica italiana contemporanea.

Il brano che porterà all’Ariston, infatti, farà parte di un imponente progetto in uscita nel 2022. Un lavoro importante (a distanza di 3 anni da “Diari Aperti”) che racchiude le sue diverse anime: un doppio album di canzoni inedite, uno in italiano ed uno in inglese (di quest’ultimo Elisa si è occupata anche della maggior parte delle produzioni).

Apripista del nuovo album è stato “Seta”, il primo singolo uscito lo scorso 24 novembre.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

A questo attesissimo e gradito ritorno sul palco dell’ Ariston, si aggiunge un’altra assoluta chicca della prossima edizione.  Sembra infatti, da un post pubblicato questa sera, che Jovanotti sia l’autore del brano con cui Gianni Morandi si presenterà al Festival. 

Sarebbe la seconda collaborazione tra Jova e l’eterno ragazzo di Monghidoro, dopo il singolo L’allegria di qualche mese fa. Pare inoltre che Lorenzo potrebbe essere presente sul palco dell’ Ariston come ospite nella serata delle cover.

I nomi dei 22 big sono appena stati annunciati questa sera da Amadeus e il viaggio verso la kermesse musicale italiana più famosa al mondo è appena iniziato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome