Addio a Lina Wertmüller, la grande regista aveva 93 anni

0
Lina wertmuller
Foto Lina Wertmuller sul set cinematografico

Il cinema italiano dice addio a Lina Wertmüller. La regista si è spenta oggi a Roma all’età di 93 anni.

Nel 1977 è stata la prima donna ad essere candidata all’Oscar per la miglior regia per il film Pasqualino Settebellezze. Il premio andò però a John G. Avildsen per Rocky. La statuina a Lina Wertmüller venne in ogni caso consegnata, sotto forma di Oscar onorario, lo scorso anno. Nel 2010 aveva invece ricevuto il David di Donatello alla carriera.

In carriera ha diretto 23 film, fra i quali successi epocali come Mimì metallurgico ferito nell’onore e Travolti nell’insolito destino nell’azzurro mare d’agosto. I titoli chilometrici erano il suo marchio di fabbrica, come gli inconfondibili occhiali che sempre indossava.

In più occasioni ha lavorato anche per la televisione, firmando negli anni ’60 anche Il giornalino di Gian Burrasca, serie che aveva come protagonista Rita Pavone, all’epoca all’apice del suo successo musicale.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome