Leonardo Lamacchia: «Chi sono? Un essere umano che fa musica»

0
leonardo lamacchia barivecchia

Barivecchia è il titolo del nuovo singolo di Leonardo Lamacchia, già conosciuto dal pubblico per la collaborazione ai brani Ercole, canzone contenuta nel repack live del disco Non abbiamo Armi di Ermal Meta, e Sottovoce per Emma Marrone.

“L’arte non deve essere fine a sé stessa – racconta Leonardo Lamacchia durante la nostra intervista – e più che un cantautore, mi sento semplicemente un essere umano che fa musica, al di là del genere, del tipo”.

Una concezione e dedizione artista che va oltre alla classica definizione di genere e alle difficoltà concrete, professionali, che un giovane artista si trova ad affrontare, sottolineate e messe un po’ di più in luce dall’improvvisa pausa generale di questi mesi.

“Ci sono stati momenti in cui ho pensato di lasciar perdere e dedicarmi ad altro, ma dopo tutti i viaggi mentali, alla fine torno sempre dalla musica anche se ci sono giorni in cui la odio, ma è quello che mi rende vivo… è un rapporto di odio e amore e mi porta a lei anche la voglia di comunicare”.

Un percorso artistico che va di pari passo con quello personale, con l’obiettivo di saper trasmettere le proprie emozioni, cercando di farle comprendere agli altri, permettendo a chi ascolta di ritrovarsi in quelle parole, in quelle sonorità, attraverso filtri personali.

Leonardo Lamacchia, l’intervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Leonardo Lamacchia: biografia

Leonardo Lamacchia, classe ’94 è un cantautore di origini pugliesi. Nel 2016 partecipa come concorrente nella sezione Nuove Proposte al Festival di Sanremo 2017, classificandosi quarto con il brano Ciò che resta scritto insieme a Mauro Lusini e Gianni Pollex. Nello stesso anno pubblica l’EP Ciò che resta e apre numerosi concerti durante l’estate tra i quali quelli di Ermal Meta, Fabrizio Moro, Brunori SAS, Irene Grandi, Fabio Concato, Max Gazzè; partecipa a “Meraviglioso Modugno”, evento promosso dalla Rai in memoria di Domenico Modugno e riceve il Magnagrecia Award per la sua partecipazione al Festival di Sanremo.

Nel 2018 scrive Sottovoce insieme a Gianni Pollex, Roberto Guglielmi e Stefano Milella, brano inserito nel disco “Essere qui” di Emma Marrone, mentre nel 2019 con Gianni Pollex, Stefano Milella, Valerio Buchicchio ed Ermal Meta, firma “Ercole”, canzone contenuta nel repack live del disco “Non abbiamo Armi” di Ermal Meta.

Nel 2020 partecipa alla 20esima edizione di Amici di Maria De Filippi su Canale 5 pubblicando, durante il programma, Via Padova, Orione, Il Natale e L’Estate e Giganti, gli ultimi suoi lavori.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome