Il cinema svizzero contemporaneo a Milano

Dal 17 al 20 dicembre 2021 alla Cineteca Milano Meet, la terza edizione della manifestazione dedicata alla cinematografia elvetica

0
Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto

In collaborazione con il Consolato Generale Svizzero a Milano

Dodici lungometraggi tra documentari, restauri e anteprime, divisi in cinque sezioni (omaggio a Hugo Pratt; classici restaurati, anteprime, Green Swiss e proiezioni Family) costituiscono un itinerario che attraversa generi e linguaggi del “film svizzero”, oggetto quasi misterioso nel nostro paese. Il festival si inaugura venerdì 17 dicembre alle ore 21.00 con un evento speciale, la proiezione di Visages d’enfants (1925) di Jacques Feyder, che sarà presentato in una versione restaurata effettuata dalla Cinémathèque Suisse, partendo dalla copia di Cineteca Milano. Il restauro presenta straordinari colori realizzati a mano e sarà impreziosito dall’accompagnamento live al pianoforte di Francesca Badalini. Nel weekend sono previste le anteprime Von Fischen und Menschen- Of Fish and Men (2020) di Stefanie Klemm, presente in sala; storia del rapporto tra due persone alle prese con una tragedia; Mare (2020) della nota regista Andrea Staka; Way Beyond (2020) di Pauline Julier, dedicato al tema sui limiti e le difficoltà della ricerca scientifica. Segue l’omaggio al grande fumettista, disegnatore e scrittore Hugo Pratt che prevede la proiezione di Hugo en Afrique (2009), la sua avventura nel continente africano iniziata nel 1936 e di Hugo en Argentina (2021), appassionate documentario sul periodo in cui l’artista ha vissuto in Argentina, immerso nel fervore culturale e nel benessere della Buenos Aires degli anni ’50. Per la sezione Family è prevista una selezione di episodi dell’indimenticabile serie animata degli anni Ottanta, tratta dal romanzo omonimo di Bianca Pitzorno, Clorofilla dal cielo blu e con la proiezione di Heidi-Son tornata diretto dal fondatore della Cineteca Italiana Luigi Comencini. Per Green Swiss il programma prevede, invece, il film Citoyen Nobel di Stéphane Goël, incentrato sulla figura dello scienziato Jacques Dubochet, insignito a 75 anni con il Premio Nobel. Chiudono il festival, lunedì 20 dicembre due anteprime: Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto (2020) di Aldo Gugolz, ambientato nella minuscola comunità della Valle Vergeletto, al confine con l’Italia e La Mif-The Fam (2021) del regista autodidatta Fred Baillif, la pellicola svizzera più desiderata da tutti i festival internazionali. Infine da non perdere il documentario ticinese Moka Noir: A Omegna non si beve più il caffè, che sarà presentato dal regista Erik Bernasconi e dallo sceneggiatore Matteo Severgnini, sugli anni d’oro del boom e quelli difficili della globalizzazione.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome