Matrix Resurrections

Quarta puntata in cui Matrix ironizza su Matrix e cambia gender

0

Matrix Resurrections
di Lana Wachowski
con Keanu Reeves, Carrie-Anne Moss, Yahya Abdul-Mateen II, Jessica Henwick, Jonathan Groff

In senso lato è un film transgender che racconta come il regista Larry Wachowski di Matrix è diventato la regista Lana Wachowski di Matrix Resurrections. In senso stretto il film racconta come Thomas Anderson, il più famoso creatore di videogame (la trilogia di Matrix) scopre, grazie ad alcuni hacker della resistenza, che lui quella storia l’ha vissuta davvero, poi è morto, poi è resuscitato ad opera delle macchine che l’hanno rimesso in una capsula a produrre energia come una pila e a sognare di essere un autore di videogame. Ma presa la pillola rossa e seguito il bianconiglio e passato come Alice al di là dello specchio, eccolo che torna a combattere e recupera Trinity, che ora sogna di essere una madre di famiglia col nome di Tiffany e non ne può più. E qui la scoperta: è ancora una storia di umani (liberati dalle capsule e dall’illusione di una vita virtuale) contro macchine (non tutte: alcune sono sintetici senzienti e sono alleate…) ma in compenso tutti i superpoteri dell’eletto (Neo) sembrano passati a Trinity. Il futuro dell’umanità è femmina, sia nel mondo reale che in quello virtuale. E perché mai le macchine nemiche hanno riportato in vita il liberatore Thomas Anderson e la liberatrice Trinity? Forse perché la dialettica degli opposti è più dialettica di una trilogia. Forse perché così la Warner può fare dell’ironia sulla Warner e forse perché così avremo le puntate 5 e 6 e poi, chissà, gli universi di Matrix si fonderanno con quelli di altri supereroi e davvero nascerà la Storia Infinita. Grande recupero del brano dei Jefferson Airplane White Rabbit e attenti allo psicoterapeuta se vi riempie di  pillole blu.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome