Måneskin, nel libro di Patrizia De Rossi una storia che è già straordinaria

3
Måneskin

Da domani 25 gennaio sarà disponibile in tutte le librerie fisiche e virtuali, per la collana Ritmi di Diarkos, Måneskin – Italian Rock 2.0 (176 pp. + inserto fotografico, 16,50 euro) , il libro nel quale Patrizia De Rossi, che cura per noi l’area fan dedicata a Bruce Springsteen, ripercorre fin dalle prime tappe il viaggio del gruppo italiano che sta mietendo innumerevoli successi anche fuori dai confini nazionali.

Tra immagini fotografiche, cronache e aneddoti, De Rossi ci racconta la sfolgorante storia di Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan, da giovani e talentuosi musicisti come tanti a gruppo rock italiano più conosciuto e amato al mondo, tornati sotto i riflettori di X Factor come ospiti d’onore a soli quattro anni dal loro esordio, sullo stesso palco, nel 2017 (selezionati da Manuel Agnelli, si classificarono secondi alle spalle del vincitore Lorenzo Licitra).

Protagonisti indiscussi della scena musicale di ultima generazione, capaci di offrire al pubblico esibizioni spettacolari, questo libro ci fa rivivere i momenti fondanti della loro già eccezionale carriera, dando voce a chi li ha conosciuti sui banchi di scuola o nei concerti improvvisati il sabato pomeriggio a via del Corso, a Roma, quando ancora non erano le superstar che oggi conosciamo.

Dal talent alla conquista dell’Ariston lo scorso marzo, dalla vittoria all’Eurovision Song Contest all’opening act per i Rolling Stones, le ospitate da Jimmy Fallon ed Ellen DeGeneres, l’attesissimo appuntamento al Coachella e il Saturday Night Live, la cavalcata dei Måneskin prosegue trionfale, e promette di sorprendere ancora con inaspettati traguardi.

Måneskin

QUESTA è la pagina della casa editrice dedicata al volume. 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome