Matteo Romano: «Anche la mia generazione può avere un posto a Sanremo»

0

Dopo la prima esibizione sul palco del Festival di Sanremo con la sua Virale, Matteo Romano uno dei vincitori di Sanremo Giovani, è sembrato decisamente soddisfatto del risultato ottenuto – è 17° dopo la prima votazione della sala stampa -.

«Sono molto contento di com’è andata, è stato molto emozionante. Ho cercato di abbracciare l’emozione piuttosto che farmi travolgere, per portare il pezzo dove volevo io. Sono molto convinto del brano che porto e penso si sia visto. Forse a Sanremo Giovani sentivo più ansia, perché il mio obiettivo era arrivare qui».

Prima di salire sul palco un incontro inaspettato: «Laura Pausini aveva il camerino accanto al mio e mi ha chiesto di girare un video per sua figlia, lei è una delle prime che ho visto dal vivo e questa cosa mi ha molto gasato». 

Spesso gli è stato affibbiato l’etichetta di tiktoker, perché è partito proprio dalla piattaforma social Tik Tok, cosa che Matteo non rinnega, ma pensa di essere andato oltre: «Tik Tok è stata una piattaforma di lancio, ma io voglio fare musica. Mi ha lanciato, è vero, ma ho lavorato tanto in questo anno. L’obiettivo era Sanremo fin dall’inizio e abbiamo lavorato in quest’ottica. Aprire i concerti di Emma mi ha preparato in un certo senso, poi dopo SG ho lavorato anche per essere potente nel momento in cui ero sul palco, volevo dimostrare che oltre Tik tok c’è molto di più».

Domani, nella serata delle cover, Matteo ha scelto Your song di Elton John insieme a Malika Ayane: «Volevo portare qualcosa che fosse coerente col mio percorso. Volevo portare un brano internazionale anche un po’ per emergere. So che è una scelta ambiziosa, ma voglio farla a mio modo rispettando l’artista che la scritta. Come Elton John scrivo e suono il pianoforte, poi Your Song è una delle ballad d’amore più belle di sempre, parla di amore in modo quasi innocente e posso dire la mia. La scelta di Malika è venuta da sé, perché ha una gran voce e poi spero possa essermi vicina sul palco a gestire l’emozione».

Per il dopo Sanremo, il giovane cantautore piemontese sembra avere le idee piuttosto chiare: «Non vedo l’ora di pubblicare il mio EP, ci sto lavorando da un sacco e penso che mi permetterà di presentare un concept che possa dare la mia idea artistica e di farmi conoscere nelle mie sfaccettature. Io voglio portare me stesso e far passare il messaggio che si possa arrivare a Sanremo partendo dalla propria cameretta pur essendo una persona timida, non voglio farmi portavoce della mia generazione, ma penso che  la mia generazione può avere un posto su quel palco, con tutto il rispetto per la sacralità di una manifestazione come Sanremo».

Adesso però, ci sono ancora da affrontare tre serate di Festival e provare a convincere il pubblico delle sue potenzialità per provare a piazzarsi bene, anche se la concorrenza, come lui stesso ammette, è molto alta: «Le canzoni che mi hanno colpito di più sono quella di Mahmood e Blanco, li ho trovati molto in sintonia anche se sono completamente diversi, hanno trovato il modo di essere sé stessi ma allo stesso tempo belli insieme. Mi è piaciuta anche Noemi, che porta un pezzo raffinato ed elegante come lei. Emma, secondo me il suo pezzo è destinato ad essere una hit, e poi Elisa che è stata bravissima».

Il video ufficiale di Virale:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome