Mimma Gaspari racconta in un libro come è cambiata la musica

0
Mimma Gaspari

Nel campo della comunicazione musicale, Mimma Gaspari è una di quelle che hanno “inventato” il mestiere. Ed hanno anche avuto il privilegio di farlo quando la parola “Mestiere” si poteva scrivere con la “m” maiuscola. La sua carriera è iniziata verso la fine del 1959: era una ragazzina un po’ snob quando Teddy Reno le propose di lavorare per le Messaggerie Musicali, una delle più importanti case discografiche dell’epoca. Qualche tempo dopo lasciò Milano per trasferirsi a Roma, dove per lunghi anni lavorò per la RCA, un’autentica corazzata, contribuendo all’affermazione di molti cantanti, da Lucio Dalla a Patty Pravo, da Enzo Jannacci a Nada, Renato Zero, Gabriella Ferri, Gianni Morandi, Paolo Conte e via elencando.

Insomma, “la Mimma” (o “tesora”, come la chiamava il geniale Lucio Dalla) ne ha viste tante e cose da raccontare ne ha. Lo ha fatto in un libro di ben 592 pagine pubblicato da Baldini+Castoldi. Si intitola La musica è cambiata?! ed ha per sottotitolo Dite la vostra che io ho detto la mia. Quei punti interrogativo ed esclamativo non sono messi lì per caso. Si capiscono meglio dopo aver letto queste righe scelte dall’autrice a mo’ di incipit: «Noi non vendevamo saponette, vendevamo sogni, emozioni, pensiero, divertimento: e certo subivamo tensioni, ma eravamo coinvolti in una “bolla artistica” e nell’orgoglio di portare a termine un’impresa grande. Perché allora la canzone era una cosa grande». 

In pratica sono due libri in uno. La seconda parte è la riedizione di un volume già pubblicato nel 2009 (si intitolava Penso che un «mondo» così non ritorni mai più), nel quale Mimma racconta la sua lunga esperienza lavorativa, con tanti retroscena che hanno per protagonisti i personaggi che ho già citato e tanti altri. La prima parte invece analizza quanto è successo negli ultimi dieci anni, in particolare in ambito rap, trap e indie. E poi ci sono parecchie interviste, per esempio a Renzo Arbore, Claudio Baglioni, Orietta Berti, Mara Maionchi, Mogol, Willie Peyote e altri ancora. 

Mimma Gaspari

Insomma, c’è tanta roba. E la lettura di questo libro permette di immergersi in un mondo che (purtroppo) non esiste più, ma al tempo stesso capire come si è evoluto quel mondo e cosa significhi “fare musica” oggi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi", "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva, "70 volte Vasco", scritto con Marco Pagliettini, e "Lucio Dalla. Immagini e racconti di una vita profonda come il mare".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome