Tommaso Paradiso: “L’arte è la memoria storica dell’essere umano”

0

Ironico, sincero, sfrontato, sognatore. Tommaso Paradiso non tradisce la sua essenza e si presenta ancora una volta fedele a sè stesso per raccontare ben due progetti che lo vedono coinvolto in prima persona come autore. Il cantautore romano, infatti, è in uscita con un nuovo album, Space Cowboy, disponibile dal prossimo venerdì 4 marzo, e un film, Sulle nuvole, nelle sale per tre giorni il  26, 27 e 28 Aprile. 

Progetti che arrivano in uno dei momenti peggiori della storia, quando a pochi kilometri da noi imperversa una guerra tremenda, esattamente come tutte le altre “: Facciamo fatica a parlare di cose frivole, a pochi chilometri da noi c’è il disastro. Gli Illuministi dicevano che la storia segue un progresso ma il Novecento ha fatto sbiadire tutto questo, non è vero che seguiamo un ideale di progresso.”- afferma Tommaso. “In questo momento è il mio testamento: tu vuoi fare l’americano ma nel cuore c’è Vasco. L’America è il mio mito, è un orizzonte, è il faro dello show business. Vasco cita James Dean nelle sue canzoni, l’America la cita De Gregori: resta sempre il sogno ma nel disco c’è tanta Italia, c’è Vasco che è un padre non perfetto nel bene e nel male, c’è la costiera amalfitana, il mare è sempre un elemento di ispirazione ma registrarlo davanti a quel Golfo significa che ti entra dentro.”

Space Cowboy  racconta, come è accaduto ad altri artisti in questo periodo , di come Tommaso abbia vissuto questi anni di pandemia. Un susseguirsi di pensieri, speranze, sentimenti contrastanti che arrivano in modo diretto a chi ascolta. Amore, libertà , senso di nostalgia attraversano tutte le canzoni , in un’atmosfera fuori dal tempo da sempre congeniale a Paradiso.

“È un disco che porta la canzone alla sua essenza più pura, svuotata di arrangiamenti, sintetizzatori e tutto quello che mettevo prima nei dischi. “- racconta Paradiso. “Mi vedo ogni tanto con Paolo Sorrentino è lui mi chiede cosa mi piace nella musica e perché ho iniziato a fare musica. Io rispondo che voglio fare cose che non sento altrove, vorrei ascoltare qualcosa che suoni così e lui mi dice che per il film ragiona allo stesso modo. Volevo che “Space Cowboy” suonasse così, è la purezza della musica Pop. Per i bassi, ad esempio, ci siamo ispirati a quelli di John Lennon nel suo periodo solista. C’è anche qualche frase scopiazzata, chi è che non copia? Gli artisti che più amo sono quelli che più citano e copiano.”

“La vita dura solo un’estate” è una frase che mi disse Vanzina e credo sia molto vera”– racconta Tommaso. E in questa frase c’è tutta la spontaneità naif che contraddistingue Paradiso, orgogliosamente innamorato degli anni ’80 che ha rimodernizzato attaverso una sorta di rilettura in chiave 2000. Un disco che, per la sua delicatezza, sembra già volere essere un manifesto contro l’odio sterile, anche sui social, e mostrare la parte più intima di Tommaso.

Ma se la musica lo ha aiutato ad esorcizzare i demoni che tutti abbiamo e a rendere meno dolorosi certi ricordi, altra grande passione e valvola di sfogo di Tommaso è proprio il cinema, e non è un caso che il protagonista del nuovo video Tutte le notti  sarà  Christian De Sica: “ Spesso viene deriso ma è un attore incredibile capace anche di interpretazioni drammatiche, l’unico anello di congiunzione tra la grande commedia italiana di Scola, Tognazzi, suo padre e la nuova scuola. Lui fa commedia. Spesso le commedie sono intepretate da comici, io credo sia molto più difficile far ridere e lui riesce a farti ridere anche in un monologo di due minuti. Con un  film riesco a svagare.”

Paradiso non ha certo peli sulla lingua e racconta anche di quanto, nella musica, abbia comunque trovato amici veri: “Gli amici veri nel mondo artistico sono ad esempio Calcutta, e i nostri manager produttori ci chiedono spesso di fare una sorta di banana republic. Poi le persone con cui ho collaborato, come Elisa e Jovanotti che sento ogni settimana e sono proprio amici. “

L’album e il film sono legati a doppio filo e raccontano emtrambi di amore, paura e musica, con protagonisti Marco Cocci e Barbara Ronchi. Una storia che, racconta lo stesso Tommaso, non poteva essere contenuta nello spazio di una canzone e nemmeno di un romanzo: “La storia che racconto nel film non potevo raccontarla in una canzone, non mi bastava. La mia vera passione è il cinema, non che la musica non mi basti più, ma passo ore a parlare con sceneggiatori e registi. Quindi metto le immagini delle canzoni nel cinema. La musica stessa è ispirata dal cinema e il film lo dedico ai Maestri del cinema, come Trovaioli, Morricone, tutto parte da lì.”

“Con il protagonista del film ho in comune l’eccesso, vivere tutto al massimo, nella gioia e nel dramma. C’è la paura da palcoscenico, il riferimento al piacere del vino. La sua è una storia travagliata, la mia spero lo sia meno.”

Anni di grande cambiamento per Tommaso, ma soprattutto per chi ha visto da fuori la sua storia artistica, perchè la sua essenza non è mutata: “Rispetto al Tommaso dei The Giornalisti cambia solo il nome. Eravamo io e i miei produttori. Sull’album anche il titolo dell’album l’ho scritto io, è la mia calligrafia. Volevo un effetto alla Michael Jackson Chi collabora con me credeva fosse più di impatto.”

Ricordi, paure ed emozioni sono vivide in questo nuovo lavoro, ed è proprio l’Arte che mantiene vivi i ricordi: “Le canzoni ti fanno rivivere tutto. L’arte, per quanto questa possa essere definita tale, come diceva Foscolo ha il potere di non far morire le cose. I sentimenti universali che ci appartengono non possono mai andare via, e con una canzone può tornare tutto su. L’arte è memoria storica delll’essere umano, disegni tangibili della storia. Siamo sempre gli stessi, abbiamo l’illusione di essere nuovi ma siamo sempre gli stessi.”

Soprattutto con l’inizio della sua carriera solista, in tanti hanno pronosticato una partecipazione di Paradiso al Festival di Sanremo, ma Tommaso ha le idee ben chiare in merito (ed ironizza anche sulle eventuali polemiche): “in realtà io non ci ho mai pensato. Ma posso fare quasi affermare con certezza che come concorrente non andrò mai. Il festival do sanremo è il festival della canzone italiana, e per anni è stato fatto in playback. Con questo voglio dire che bisogna stare attenti. Se c’è Elisa è normale che rompa il c..o a tutti, è la più brava che abbiamo in Italia. Magari l’emozione può rovinare la performance, o abbiamo cantautori con una voce più debole che cantano canzone bellissime. Dobbiamo valutare la canzone, non è The voice che si guarda all’interpretazione. Tanti intepreti non sono troppo all’letzza di quel palco, infatti io non andrei perchè non mi piace proprio la gara.  O hai le spalle gigantesche e te ne frega di tutto, oppure ne risenti. Viviamo col costante giudizio sulle spalle.”

Tracklist di Space Cowboy :

  • GUARDATI ANDARE VIA: 

 

  • AMICO VERO (Feat. Franco 126)

 

  • MAGARI NO

 

  • LUPIN

 

  • LA STAGIONE DEL CANCRO E DEL LEONE

 

  • SPACE COWBOY 

 

  • É SOLO DOMENICA 

 

  • SILVIA

 

  • TUTTE LE NOTTI

 

  • VITA 

 

  • SULLE NUVOLE 

 

Dal 25 marzo partirà anche  lo SPACE COWBOY TOUR (già Sulle Nuvole Tour). Gli show saranno riposizionati su più date e nei teatri per garantire la massima sicurezza in ottemperanza alle norme vigenti sulla capienza richiesta in merito agli spettacoli dal vivo. 

Tommaso  proporrà uno show originale, in cui si potranno ascoltare live  le canzoni del nuovo album Space Cowboy, anticipato dalle uscite di Lupin, La Stagione del Cancro e del Leone, e dai singoli Tutte Le Notti e Magari No. Non mancheranno naturalmente in scaletta tutti i tormentoni della sua carriera, da Completamente  a Riccione (quadruplo platino), fino a  Ricordami , Ma Lo Vuoi Capire , I nostri Anni  e Non avere Paura. 

Di seguito, le date confermate del Space Cowboy Tour:

Venerdì 25 marzo 2022 || Jesolo (VE) @ PalaInvent

Sabato 26 marzo 2022 || Jesolo (VE) @ PalaInvent

Martedì 29 marzo 2022 || Napoli @ Teatro PalaPartenope 

Giovedì 31 marzo 2022 || Bari @ Teatro Team 

Venerdì 1 aprile 2022 || Bari @ Teatro Team 

Lunedì 4 aprile 2022 || Torino @ Teatro Colosseo 

Martedì 5 aprile 2022 || Torino @ Teatro Colosseo 

Giovedì 7 aprile 2022 || Bologna @ Teatro EuropAuditorium 

Venerdì 8 aprile 2022 || Bologna @ Teatro EuropAuditorium

Martedì 12 aprile 2022 || Firenze @ Teatro Verdi 

Mercoledì 13 aprile 2022 || Firenze @ Teatri Verdi 

Venerdì 15 aprile 2022 || Milano @ Teatro degli Arcimboldi 

Sabato 16 aprile 2022 || Milano @ Teatro degli Arcimboldi 

Giovedì 21 aprile 2022 || Roma @ Auditorium Conciliazione

Venerdì 22 aprile 2022 || Roma @ Auditorium Conciliazione

Giovedì 28 aprile 2022 || Roma @ Auditorium Conciliazione 

Venerdì 29 aprile 2022 || Roma @ Auditorium Conciliazione 

Mercoledì 4 maggio 2022 || Milano @ Teatro degli Arcimboldi 

Domenica 21 agosto 2022 || Roccella Jonica (RC) @ Teatro Al Castello

Venerdì 26 agosto 2022 || Taormina (ME) @ Teatro Antico 

 I biglietti precedentemente acquistati restano validi per le nuove date. Sarà possibile consultare il sito www.vivoconcerti.com per verificare la corretta riassegnazione dei biglietti in proprio possesso e per informazioni riguardanti la procedura da seguire.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome