PPP 100 I film di Pasolini al Nuovo Sacher di Roma

Dal 3 al 27 marzo 2022 nel cinema di Largo Ascianghi, 1, gestito da Nanni Moretti, una retrospettiva del grande regista e scrittore a 100 anni dalla nascita

0
Pier Paolo Pasolini

La manifestazione propone 23 pellicole da lui dirette

La mattina del 2 novembre 1975 in via dell’Idroscalo ad Ostia viene ritrovato il corpo senza vita di Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi rappresentanti della cultura italiana del Novecento. Fino dal suo esordio dietro la macchina da presa con Accattone (1961), il poeta di Casarsa, nato il 5 marzo 1922, ha saputo descrivere con crudezza e poesia insieme, il mondo diseredato del sottoproletario romano delle borgate e gli effetti drammatici dell’espandersi del capitalismo. Un’analisi proseguita con il successivo Mamma Roma (1962), interpretato magistralmente da Anna Magnani. Il suo cinema, un’esplosione del mio amore per la realtà, come amava dichiarare, ha anticipato sempre i tempi, prima nel rappresentare con l’apologo Uccellacci e uccellini (1966) la crisi del marxismo negli anni post-resistenziali e poi la dissoluzione della società borghese-consumistica con Epido re (1967), Teorema (1968) e Porcile (1969). Negli anni Settanta Pasolini si dedica alla rilettura della storia umana, attraverso la sua componente più carnale e liberatoria, il sesso, con l’utilizzazione dei classici della letteratura. Nasce così la Trilogia della vita, costituita da Decameron (1971); I racconti di Canterbury (1972), ispirati a Boccaccio e a Chaucer e Il fiore delle Mille e una notte (1973). Pellicole che mostrano tutta la sua passione per l’autentica cultura popolare, già espressa nel 1964 con Il Vangelo secondo Matteo, sublime rappresentazione laica di un Cristo inserito nella realtà del Meridione sottosviluppato. La sua carriera di cineasta si chiude con Salò o le centoventi giornate di Sodoma, uscito postumo; una sorta di testamento spirituale e una angosciosa metafora sulla violenza del potere nel mondo contemporaneo.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome