Franco Piavoli ed Ermanno Olmi: Il cinema della terra

Dal 22 aprile al 31 maggio 2022 alla Cineteca Milano MIC una rassegna sui due grandi registi in occasione della Giornata della Terra

0
Voci nel tempo

La manifestazione è dedicata alla salvaguardia dell’ambiente

Entrambi provenienti dalle valli lombarde (Piavoli dalla provincia di Brescia, mentre Olmi da quella di Bergamo), l’opera dei due cineasti è sempre stata caratterizzata da una particolare attenzione alla natura e al rapporto dell’uomo con essa. Olmi nel suo primo lungometraggio Il tempo si è fermato (1958), mette a confronto le diverse mentalità di un giovane studente e di un anziano guardiano sulle pendici del monte Adamello, mentre in Il segreto del bosco vecchio (1983), dal romanzo di Dino Buzzati, ci racconta l’innocenza dei più piccoli nei confronti dell’ambiente, in contrasto con la visione più arrivista degli adulti. Ancora in I cento chiodi (2007), protagonista della storia è un professore che abbandona la vita di città per trasferirsi sulle tranquille rive del fiume Po. Con il documentario Terra Madre (2009), il regista bergamasco accompagna lo spettatore al Forum Mondiale Terra Madre, tenutosi a Torino nel 2006.   Il poetico sguardo di Franco Piavoli, invece, racconta una quotidianità scandita non dal ticchettio degli orologi, ma dalla ciclicità delle stagioni. Il cortometraggio Domenica sera (1962) è una malinconica riflessione sulla fine di una giornata di festa in un villaggio, mentre nel suo primo lungometraggio, Il pianeta azzurro (1981), ribalta il rapporto tra uomo e natura, attraverso le immagini delle gelate invernali e del risveglio della primavera fino al calore dell’estate. In Voci nel tempo (1966) ci mostra il trascorrere della vita e in Al primo soffio di vento (2002) la monotona giornata di agosto nelle campagne lombarde. Ancora nel mediometraggio In festa (2016), Piavoli evidenzia la differenza tra Leopardi e Pascoli sul significato proprio di “festa”. Venerdì 22 aprile alle ore 17.30 vi sarà la presentazione del libro Il cielo, l’acqua, il gatto. Il cinema secondo natura di Franco Piavoli, alla presenza dell’autore Filippo Schillaci e del regista.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome