Northman

Quando un vichingo di nome Amleth vuole vendicare la morte del padre...

0

Northman
di Robert Eggers
con Alexander Skarsgård, Nicole Kidman, Claes Bang, Ethan Hawke, Anya Taylor-Joy, Bjork

Corni, corvi e tamburi a oltranza per un Amleto in salsa norrena. Amleth del regno di Hrafnsey ha appena passato il rito di iniziazione all’età adulta e vede lo zio uccidere il padre e chiedere la sua morte. Il ragazzino fugge, agogna la vendetta e alcuni anni dopo è un predone vichingo che ulula assetato di sangue coi muscoli e lo sguardo triste di Alexander Skarsgård. L’occasione per prendersi la vendetta viene dopo un’incursione nella terra dei Rus: Amleth si finge uno schiavo per essere mandato in Islanda nel regno, piuttosto impoverito, dello zio assassino che ha pure sposato sua madre. Le ambizioni di Eggers sono forse più grandi del film che riesce talvolta ad essere più folle, violento e muscolare delle serie tv come Vikings e Last Kingdom, e ha dalla sua il taglio horror/mistico  (come in The Witch) che si declina in un’attenzione morbosa alle ricostruzioni storiche delle forme religiose. Le due facce della questione per un po’ sono in uno strano equilibrio affascinante, poi appesantiscono la trama, che ha il difetto di voler seguire l’Amleto shakespeariano con una madre che sembra più una Lady Macbeth e se ne allontana perché Anya Taylor Joy non è un’Ofelia: per il pubblico tv mancano i colpi di scena politico sentimentali. Possiamo definirlo la versione horror di una tragedia, indecisa ma a suo modo barbara? Scritto da Sijon, il poeta che collabora con Bjork e ha sceneggiatoThe Lamb.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome