Bad Roads – Le strade del Donbass

Quattro storie di donne nel Donbass in guerra. Una profezia

0

Bad Roads – Le strade del Donbass
di Natalya Vorozhbit
con Igor Koltovskyy, Andrey Lelyukh, Anna Zhurakovskaya, Yuliya Matrosova, Maryna Klimova

Non è un film sulla guerra nel Donbass, ma sul Donbass durante la guerra del 2014. Su quattro donne sulle strade del Donbass, strade sconvolte, quindi simboliche.  La prima donna è un fantasma, forse vista (o forse no) da un preside fermato ubriaco a un posto di blocco. La seconda una ragazza alla fermata del bus che litiga con la nonna, perché non vuole tornare a casa, perché non vuole vedere il canale russo della tv, perché aspetta un soldato che secondo la nonna non verrà “perché è un nazista”.  La terza è una ragazza che finisce nelle rovine sotterranee di un luogo tra le terme e il sanatorio con un soldato russo che  alterna esplosioni di violenza a momenti di tenerezza  devastato da un terribile  senso di inferiorità omicida. Non diciamo come va a finire, ma nel dialogo folle tra i due, tra una umiliazione e l’altra, emerge che una volta la ragazza aveva investito una gallina e aveva risarcito a caro prezzo i contadini: il soldato calcola quanto  dovrebbe risarcire -a peso- per la carne degli ucraini che ha ucciso. Nella quarta storia  una donna, non la stessa,  investe una gallina, il prezzo richiesto è iperbolico e la metafora dell’escalation raggelante. Bad Roads è un’opera di derivazione teatrale (autrice la regista stessa) passata nel 2020 al Festival di Venezia alla Settimana della critica e recuperata sulla spinta dell’attualità. E si dimostra una profezia. Immaginate certi dialoghi lunari e quotidiani- disperati ma non seri- del primo Tarantino sovrapposti a un qualsiasi telegiornale di queste ore. Per la pace sarà dura.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome