La bicicletta e il Badile, un film di Maurizio Pansieri e Alberto Valtellina

Dal 17 maggio 2022 nei cinema italiani l’omaggio celebre alpinista austriaco Hermann Buhl e alle due ruote come mezzo per scoprire la montagna

0
La bicicletta e il badile

Il film è stato realizzato con il contributo del CAI, Club Alpino Italiano- Centro di Cinematografia e Cineteca

Maurizio Panseri e Marco Cardullo, alpinisti e ciclisti, decidono di ripercorrere il viaggio che nel 1952 portò Hermann Buhl, in bicicletta, in un fine settimana, da Innsbruck alla parete nord-est del badile, salito in prima solitaria attraverso la via Cassin in quattro ore; un percorso che l’alpinista italiano Riccardo Cassin aveva aperto nel 1937 in quattro giorni. Buhl, che in seguito diventerà famoso per molte salite, tra cui la prima al Nanga Parbat in solitaria e al Broad Peak con Kurt Diemberger, il 4 luglio del ‘52 lascia Innsbruck in bici. Dopo aver risalito la valle dell’Inn, arriva alla base del Badile, la sale attraverso la via Cassin e poi scende. Con grande tranquillità riprende la bici e torna a casa, per essere al lavoro puntuale il lunedì mattina. Un’impresa raccontata in poche asciutte nella bellissima autobiografia È buio sul ghiacciaio. Preziosa nel film è la testimonianza di Kriemhild Buhl, figlia di Hermann che ricorda le imprese del padre e la morte prematura che lascia sua madre vedova con tre figlie piccole. La pellicola, affermano i due autori, torna a cogliere con lo sguardo i cambiamenti e la bellezza delle geografie alpine sul cammino tra Italia, Svizzera e Austria.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome