Adorazione

Due ragazzini in fuga in un amore malato

0

Adorazione
di Fabrice Du Welz
con Thomas Gioria, Fantine Harduin, Benoît Poelvoorde, Anaël Snoek, Gwendolyn Gourvenec

Inquietante dal Belgio, firmato Du Welz, esordio con Calvaire nel 2004 e carriera in progressione d’angoscia. In un istituto per malattie mentali disperso tra i boschi viene portata la ragazzina Gloria (una donna in miniatura) e intriga subito il  figlio di un’infermiera, Paul (un bambino più alto della sua età). Gloria spiega che è stata fatta internare da parenti avidi dei suoi soldi (dice di essere orfana e erede di una fortuna) e passa all’azione ammazzando la direttrice. Paul, che parla con gli uccelli e ha la mamma che gli chiede se preferisce lei o la ragazzina, prende il largo con Gloria, per boschi e valli verso la Bretagna (10 mila chilometri più in là). Gloria conferma d’essere una paranoica a volte furiosa fino all’omicidio, Paul un sognatore. La loro fuga sembra sospesa tra la fiaba, il dormiveglia e la percezione distorta della natura. A volte è poetica, a volte fa paura, a volte annoia, in un paio di momenti si percepisce l’orrore tra le righe che spiega i molti riconoscimenti di Du Welz. Benoît Poelvoorde ci mette il suo sigillo di follia e vede negli stormi di uccelli monogami le prove della reincarnazione e dell’amore eterno, anzi, dell’adorazione.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome