25° Festival CinemAmbiente

Dal 5 al 12 giugno 2022 a Torino presso l’Aula del Tempio della Mole Antonelliana, il Festival festeggia i suoi 25 anni in coincidenza con la Giornata Mondiale dell’Ambiente

0
A Thousand Fires

L’iniziativa è organizzata e promossa dal Museo Nazionale del Cinema e Festival CinemAmbiente

La manifestazione giunta alla sua venticinquesima edizione inizia domenica 5 giugno a partire dalle ore 21 sulle pagine Facebook del Festival CinemAmbiente, di UNEP Europa, del Museo Nazionale del Cinema, con la presentazione del nuovo progetto Karma Clima, che unisce musica e difesa dell’ambiente. Lunedì 6 giugno prendono il via le proiezioni nelle sale con la sezione competitiva Made in Italy che prevede 33 titoli tra corti e lungometraggi, con film dal vero e film d’animazione. Alle ore 18 (Cinema massimo- Sala Rondolino) sarà proiettato il film Cosa c’è di strano in tutto questo? di Mauro Bartoli, un ritratto di Ivan Fantini, chef che si è dedicato alla ricerca di una cucina più vera, sensibile e naturale. La proiezione sarà seguita da un incontro con il regista e Ivan Fantini. Seguirà Speck. Un destino cambiato di Martina Scalini, che ci porta all’interno di un allevamento intensivo di maiali, attraverso la telecamera nascosta tra i bottoni della giacca del protagonista impegnato in un’indagine sotto copertura. Alle ore 19.30 il cartellone presenta Plastic War di Catia Barone e Leonardo Lo Frano (Cinema Massimo- Sala Rondolino), un viaggio tra le lobby del “materiale del secolo”, gli interessi delle grandi aziende, lo scempio ambientale, l’inganno del greewashing: un intreccio che produce profitti di 840 miliardi di euro nel solo mercato europeo della plastica e del suo indotto. Tocca poi a TerrEmoticon, film di Paolo Pisanelli, percorso con cui gli studenti dell’Istituto Superiore De Gasperi- Battaglia di Norcia, hanno messo in scena la propria drammatica esperienza di vivere in luoghi dove la terra trema. Il testo nasce dai messaggi WhatsApp che i ragazzi si sono scambiati nell’ottobre tragico del 2016. Nel tardo pomeriggio prende il via anche la sezione non competitiva Panorama, che quest’anno presenta 12 lungometraggi. Il primo in cartellone alle ore 18.30 è il danese Solutions (Cinema Massimo- Sala Cabiria) di Pernille Rose Gronkjaer, reportage di un incontro che ha visto per dieci giorni scienziati e specialisti di fama internazionale riuniti nel deserto del New Mexico per discutere dei problemi più urgenti del Pianeta. In serata s’inaugura il Concorso documentari, 9 titoli incentrati sul tema ambientale sotto una varietà di profili-naturalistico, politico, sociale, economico. Primo film in gara, ore 21.30, è A Thousand Fires (Cinema Massimo- Sala Cabiria) del regista palestinese-britannico Saeed Taji Farouky, che ci porta in Myanmar, dove i coniugi Htwe Tin Rhein Shwe estraggono a mani nude il petrolio da un pozzo scavato nel terreno intorno alla loro casa. Alle ore 21.30 (Cinema Massimo- Sala Rondolino) tocca ad altri due titoli: Chiamo, nessuno risponde di Davide Demichelis, ambientato in Alta Val Maira, in Piemonte, protagonista Franco Baudino, 73 anni, montanaro da sempre per scelta che descrive il suo amore per la montagna e Be(e)ing Alive di Vincenzo Notaro, racconto di un anno di pandemia. La proiezione sarà seguita da un incontro con l’autore.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome