Zucchero riesce a far ballare Este anche sotto la pioggia

0
zucchero
Foto: Mirko Fava

Non sappiamo se il violento nubifragio che si è scatenato ieri sera su Este ha dato un po’ di respiro dalla siccità di questo periodo, però se serviva un concerto di Zucchero per far finalmente piovere un po’, allora che Sugar programmi un tour in lungo e in largo per tutta Italia, visto che anche le date in Arena dello scorso aprile e maggio sono state decisamente umide.

Scherzi a parte, ieri sera c’è stata seriamente la possibilità che il live venisse cancellato o quantomeno rimandato, visto che si è andati molto vicini alla formazione di una tromba d’aria nella zona tra Este e Monselice.
Alla fine, però, l’allerta meteo è passata ed il concerto si è riuscito a svolgere, seppur con una partenza ritardata di mezz’ora a causa delle precarie condizioni meteo e alcuni brevi black out dell’impianto luci e del maxischermo che fa da sfondo al palco.
E, nonostante la pioggia non abbia dato tregua per buona metà della serata, alla fine Zucchero e la sua band sono riusciti ad arrivare fino in fondo senza nessuna “sforbiciata” di sorta alla scaletta, dimostrando grande amore e rispetto per il pubblico che per oltre due ore è rimasto imperterrito sotto la pioggia.

Scenografia lievemente diversa rispetto ai live in Arena di Verona: non c’è più il grande sole con lo schermo circolare a troneggiare dietro il palco, ma un ledwall rettangolare, che rimanda immagini live e contenuti preparati appositamente per lo show.
La band invece è sempre la stessa, che fa ritorno in Italia dopo il “rodaggio” dei primi tre mesi di tour europeo: Polo Jones (direttore musicale e basso), Kat Dyson (chitarre e cori), Peter Vettese (hammond e piano), Mario Schilirò (chitarra), Adriano Molinari (batteria), Nicola Peruch (tastiere), Monica Mz Carter (batteria), James Thompson (fiati e cori), Lazaro Amauri Oviedo Dilout (fiati), Oma Jali (cori).

Nell’Arena del Castello Carrarese di Este c’è il tutto esaurito nonostante la pioggia battente (circa 3.000 i presenti), e Zucchero si diverte a punzecchiare scherzosamente come suo solito i presenti, forse intirizziti dalla pioggia, per farli alzare dalle sedie e ballare: “non mi sembrate un pubblico così caldo, forse sarà la pioggia… Potete anche alzarvi e ballare, a meno che non abbiate le emorroidi!”

Qualche novità anche in scaletta (che trovate per intero a fine articolo): tra le canzoni “a rotazione” stavolta tocca a Pene, Menta e rosmarino, Overdose (d’amore) e Chocabeck, mentre nel momento dedicato alla band arriva per la prima volta in questo tour Let The Good Times Roll, storico standard blues di Louis Jordan, portato al successo, tra gli altri, anche da B.B. King, che la eseguì dal vivo anche con Zucchero qualche decennio fa.

E alla fine, tra la pioggia che ha deciso finalmente di dare tregua e le frecciatine lanciate, Sugar riesce finalmente nel suo intento, commentando con un “era ora… Ma dove eravate?” quando il pubblico si alza in piedi per gli ultimi brani, in una raffica finale tutta da ballare con X colpa di chi?, Diavolo in me, L’urlo e Chocabeck.
È il momento dei saluti (“vi lascio cinque minuti con loro, che io devo andare a prendere un treno”) e per la prima volta in assoluto il concerto non finisce con un brano di Zucchero, ma con la band che trasforma l’Arena del Castello Carrarese in una grande discoteca con una versione funk di Stayin’ Alive tutta da ballare.

È quasi mezzanotte e mezza quando i tremila che hanno affollato il castello di Este iniziano a defluire, zuppi ma felici, dopo circa due ore e mezza di musica e 28 brani: staremo a vedere se questo curioso e inedito modo di terminare il live resterà un unicum nella serata di ieri o magari segnerà l’inizio di una nuova routine di fine concerto per Sugar e la band.

I prossimi appuntamenti in Italia

7 luglio – Palmanova (UD), Estate Di Stelle (Piazza Grande)
8 luglio – Parma, Parma Cittàdella Musica (Parco Ducale) (sold out)
20 Luglio – Lucca, Lucca Summer Festival (Mura di Lucca)

Gli ultimi biglietti rimasti sono disponibili su Ticketone.

Ed il prossimo 27 luglio Zucchero aprirà il concerto dei Rolling Stones alla Veltins-Arena di Gelsenkirchen, in  Germania.

Ecco la scaletta del concerto

1. Spirito nel buio
2. Soul Mama
3. Il mare impetuoso al tramonto salì sulla Luna e dietro una tendina di stelle…
4. Sarebbe questo il mondo
5. La canzone che se ne va
6. Partigiano reggiano
7. 13 buone ragioni
8. Ci si arrende
9. Pene
10. Facile
11. Vedo nero
12. Baila (Sexy Thing)
13. Dune mosse
14. Menta e rosmarino
15. Un soffio caldo
16. Overdose (d’amore)
17. Solo una sana e consapevole libidine salva il giovane dallo stress e dall’Azione Cattolica
18. Miserere
19. Let the Good Times Roll (band only)
20. Honky Tonk Train Blues (band only)
21. Amore adesso
22. Il volo
23. Diamante
24. X colpa di chi?
25. Diavolo in me

26. L’urlo
27. Chocabeck
28. Stayin’ alive (band only)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome