CucuFestival, a Roana (VI) la XII edizione della rassegna dedicata al Teatro di strada

0
cucufestival

Torna anche quest’anno nel comune di Roana e nelle sue suggestive frazioni il CucuFestival, manifestazione internazionale dedicata al teatro di strada, promossa e coordinata dal Comune di Roana e organizzata dall’Associazione Culturale Arci Carichi Sospesi con la collaborazione delle Proloco delle sei frazioni che compongono questo territorio situato sull’altopiano di Asiago (Vicenza), abitato fin dal Medioevo da popoli di etnia cimbra.

Da giovedì 25 a domenica 28 agosto, le piazze e le vie di Roana, Mezzaselva, Cesuna, Canove, Tresche Conca, e Camporovere, si trasformeranno in palcoscenico per ospitare artisti provenienti da tutto il mondo che incanteranno cittadini e turisti con spettacoli di mimo, teatro, acrobatica, clownerie, giocoleria e musica.

«Come Amministrazione Comunale non possiamo che essere entusiasti di promuovere il CucuFestival – dichiara Giulia Mosele, Assessore al Turismo del Comune di Roana-. Un evento di punta dell’estate roanese, giunto quest’anno all’importante traguardo della XII Edizione, capace di richiamare nel nostro territorio oltre diecimila spettatori l’anno. Quest’anno abbiamo voluto concentrare gli appuntamenti principali nelle piazze delle frazioni che compongono il nostro comune, in modo da poter dare un nuovo respiro anche a tutte quelle attività economiche che in questi due anni sono state penalizzate dalla pandemia.  Per ragioni analoghe, abbiamo voluto che anche quest’anno la manifestazione si svolgesse verso la fine di agosto, un periodo ai limiti della nostra stagione turistica abituale, per incentivare chi è già ospite da noi a rimanere qualche giorno in più e invitare a scoprire le bellezze del territorio che ci circonda nella diversa luce dell’approssimarsi dell’autunno. Siamo certi che i nostri ospiti e i cittadini stessi rimarranno incantati dagli spettacoli e dagli artisti che si esibiranno da noi».

«Un evento come il CucuFestival si inserisce perfettamente all’interno della programmazione turistico-culturale che il Comune di Roana ha voluto organizzare per attrarre sull’Altopiano, tutte le fasce di pubblico. – sottolinea il Consigliere comunale Cesare Azzolini – Hoga Zait, il festival della cultura cimbra, ci ha permesso di attrarre un target composto prevalentemente da famiglie e da appartenenti alle altre minoranze linguistiche cimbre e anche quest’anno è stato un grande successo. Ori dello sport, il nuovo evento ideato dalla nostra amministrazione che si svolge i primi giorni di agosto, porterà un pubblico più adulto interessato alle attività sportive e a conoscere gli atleti che, in questa prima edizione, saranno più di trenta. Il Festival Internazionale di Teatro di strada attirerà a Roana e nelle frazioni nuovamente adulti e bambini per ammirare le esibizioni dai professionisti internazionali dello spettacolo. Atteso, infine, per ottobre è Vèrben, pensato per valorizzare i colori dell’Altopiano, l’enogastronomia e i prodotti dell’agricoltura».

Di grande livello anche quest’anno la proposta artistica. Dall’Ucraina arriveranno sull’altopiano i Dekru, pluripremiato quartetto di mimi, che si esibirà in Anime leggere, un viaggio pieno di risate nella commedia della vita, tra poesia e satira sociale, scritto e diretto dalla regista Liubov Cherepakhina, insegnante della rinomata Accademia di Varietà e Arti Circensi di Kiev.
Dalla Spagna, i Cia Es, con lo spettacolo Tei tei, faranno scoprire al pubblico come un nastro bianco possa diventare strumento di scoperta di un percorso da abitare e trasformare attraverso l’immaginario dell’astrazione. Ogni angolo, ogni mura, ogni lampione, ogni semaforo, ogni individuo, diventano possibili supporti e fondamento per creare i momenti unici.
Una vita, un quadro, dei limiti, alcuni scelti, altri imposti, saranno al centro della performance di acrobatica e musica della compagnia francese La Double acCroche, che con A travers… ci condurranno, in un percorso tra le righe, alla ricerca di uno spazio di libertà.
Il duo italo-argentino della Compagnia ZeC, con il work in progress Seguime, ci faranno viaggiare alla ricerca di più semplicità, più ascolto del mondo che ci circonda, e più discernimento per contemplare la bellezza della natura.

Ma al CucuFestival sarà ricca anche la presenza di artisti provenienti dall’Italia.
Selvaggia Mezzapesa con Cuore matto porterà il pubblico a vivere le diverse fasi dell’amore tra acrobazie e destrezze in aria. Saranno gli Equilibri il filo conduttore dello spettacolo di Acqualta Teatro: l’indissolubile vincolo tra uomo e Natura, delicato e precario legame che ci tiene stretti.  Occorre un equilibrio perfetto, un dare e un avere, un equilibrio fatto di rispetto e armonia. Discipline e attrezzi di giocoleria dimenticati nel tempo saranno al centro di Evergreen del torinese Alì Akbar Rahati Nover, campione mondiale di flowerstick, classico attrezzo di giocoleria importato dalla Cina circa 200 anni fa. Una performance esilarante e con vago sentore di menta, dato che “essere al verde non è mai stato così divertente”. Non potrà mancare infine il clown di Giulio Lanzafame della Compagnia OnArts che in Yes Land unisce l’acrobatica, la giocoleria, la corda molle, l’equilibrismo e la manipolazione di semplici oggetti: una sedia, una bottiglietta d’acqua, delle arance e un giornale.

Ingresso libero e gratuito

Per informazioniUfficio IAT Roanatel.0424-694361www.comune.roana.vi.it

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome