Siccità

Roma senz'acqua eppure l'Italia affonda. Da Paolo Virzì

0

Siccità
di Paolo Virzì
con Silvio Orlando, Valerio Mastandrea, Elena Lietti, Tommaso Ragno, Claudia Pandolfi, Sara Serraiocco, Monica Bellucci, Max Tortora

In una Roma futura prosciugata in elettronica, col Tevere secco e  l’acqua pubblica sequestrata dai privati e al limite del razionamento -però le fontane spruzzano e vengono difese dalla polizia e i ricchi riempiono piscine e vasche Jacuzzi- si diffonde un’altra pandemia,  la malattia del sonno. Ovunque scarafaggi. Molti gridano alla dittatura. Seguiamo le storie di una dottoressa scazzata, di un imbonitore da social fallito, di un ragazzaccio ladro e assassino, di un adolescente che crolla prima di poter fare il suo primo attacco razzista, di un tassista che prende così tanta roba per stare sveglio che ha allucinazioni sentimentali e politiche, di un negoziante fallito, di un carcerato felice di stare in galera che per un errore si trova fuori da Regina Coeli, di un tecnico chiamato a parlare della siccità in tv che finisce nella vasca di una diva (che sia una citazione di Don’t Look Up?). Il film corale di Paolo Virzì , scritto a otto mani con Paolo Giordano, Francesca Archibugi e Francesco Piccolo si muove davvero su molti fronti, com’è tipico di Virzì, dalla commedia alla tragedia passando per il sociale e persino per il catastrofico. Non sempre ci prende e ci porta via. Però finisce quasi come I promessi sposi. Citazione? A Venezia 79 ha vinto il Green Drop Award, il premio Pasinetti e il premio alla colonna sonora di Franco Piersanti.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome