Incroci sentimentali

Com'è facile e complicato farsi male in amore

0

Incroci sentimentali
di Claire Denis
con Juliette Binoche, Vincent Lindon, Grégoire Colin, Bulle Ogier, Issa Perica

Juliette Binoche e Vincent Lindon in una vacanza al mare: la trasparenza dell’acqua, il reticolo di riflessi della luce, la morbidità dei corpi. È L’amore. Davvero? Lindon è un ex rugbista infortunato di poche parole, capiamo strada facendo che ha un figlio meticcio nei guai, una vecchia madre sfiancata, la prigione dietro le spalle, è disoccupato e ha forse un’occasione di lavoro con l’ex socio Gregoire Colin nel mondo delle mediazioni sportive. Binoche, giornalista radiofonica ama Lindon, e lo sostiene, ma una volta era la donna di Colin, e quando lo rivede tutto cambia. La dialettica tra i tre prende le strade impervie delle bugie, dei messaggini, dei rimorsi, dei ricordi, dei ricordi travisati. Binoche ama davvero Lindon, ma torna a tradirlo come una ragazzina con Colin, a cui tuttavia si ribella per antiche incompatibilità, ma non fino in fondo: diciamo che è schiava d’amore e che mente, soprattutto a se stessa. Infatti nel grande litigio finale che tutto il film prepara, la frase rivelatrice è “ho tradito, ma ho tradito soprattutto me stessa”. Poi nel triangolo giocano altri attori: l’autostima crollata dell’ex carcerato Lindon, l’autostima del “vincente” Colin, l’autostima minata dal mentire a se stessa della Binoche. Se non fosse per gli incroci sentimentali potremmo dire che è l’ennesimo film sul lavoro con protagonista Lindon dopo La legge del mercato, In guerra e Un altro mondo. Titolo originale Avec amor et acharnement (con amore e implacabilità)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome