Francesco Guccini, un cofanetto per i 50 anni di “Radici”

Per celebrare il mezzo secolo dell'album più amato del cantautore modenese, esce domani una speciale pubblicazione in edizione limitata e numerata.

0
Francesco Guccini
© Mattia Zoppellaro

Considerato l’album capolavoro di Francesco Guccini, Radici compie 50 anni: per celebrare lo speciale anniversario della sua pubblicazione esce domani, 2 dicembre, un esclusivo cofanetto in edizione limitata e numerata, contenente un LP 180 gr trasparente, un cd e il poster con la memorabile immagine di copertina. I brani sono stati rimasterizzati dai nastri originali.

Registrato a Milano nella primavera del 1972, Radici è il quarto album di Francesco Guccini, che è anche autore di tutti i testi e delle musiche. L’album si caratterizza per la cura rivolta alla parte musicale, lontanamente influenzata dalle tendenze progressive tipiche del periodo.

Prodotto da Pier Farri, gli arrangiamenti sono dello stesso Pier Farri, Francesco Guccini e Vince Tempera, mentre il tecnico del suono è Ezio De Rosa.

Insieme a Guccini (voce, chitarra), suonano Deborah Kooperman (flauto, chitarra, banjo), Vince Tempera (tastiera), Maurizio Vandelli (mellotron), Gigi Rizzi (chitarra elettrica), Ares Tavolazzi (basso) ed Ellade Bandini (batteria).

L’album contiene La locomotiva, una delle canzoni più celebri di Guccini, immancabilmente eseguita alla fine di ogni suo concerto.

LA TRACKLIST DI RADICI

Francesco Guccini

  1. Radici
    2. La locomotiva
    3. Piccola città
    4. Incontro
    5. Canzone dei dodici mesi
    6. Canzone della bambina portoghese
    7. Il vecchio e il bambino

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome