Gli occhi del potere e della perfidia. Boris Godunov e il cinema degli zar

Dal 6 all’11 dicembre 2022 alla Cineteca Milano MIC la rassegna cinematografica organizzata in occasione della Prima al Teatro alla Scala di Milano

0
Anastasia

Mercoledì 7 dicembre alle ore 18.00 presso Cineteca Milano MIC sarà trasmessa la Prima dell’opera Boris Godunov

Il ciclo di sei titoli, organizzato in occasione della Prima alla Teatro alla Scala, uno momenti più importanti della cultura milanese, vuole riportare il pubblico al fasto dell’epoca degli Zar, tra gioielli d’archivio e film appartenenti alla storia del cinema quali Nicola e Alessandra (1971) diretto da Franklin J. Schaffner (in programma il 6 dicembre alle ore 15.30), ricostruzione del tragico destino dell’ultimo Zar di Russia Nicola II; Ivan il Terribile (1944) e La congiura dei boiardi (1958), pietre miliari del grande regista Sergej Ejzenstejn (in cartellone il primo l’8 alle ore 15.30 e il secondo il 9 alle ore 17.30)  che ha dedicato queste due opere ad una delle figure più temute in Russia. Del 1956 è invece Anastasia per la regia di Anatole Litvak (il 9 alle ore 15.30) interpretato da Ingrid Bergman nei panni di una donna che afferma di essere l’unica sopravvissuta della dinastia dei Romanov. Il film le procurerà il secondo Oscar della sua carriera. La rassegna propone ancora L’assassino dello Zar (1991) di Karen Sachnazarov (l’11 alle ore 15.50), storia di un paziente psichiatrico convinto di aver provocato la morte del sovrano e il film muto, una vera rarità, Boris Godunoff (1922) di Hans Steinhoff (l’11 alle ore 18.30) ispirato all’omonima opera di Musorgskj, con accompagnamento musicale dal vivo a cura del Maestro Antonio Zambrini.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente collabora a Diari di Cineclub, Grey Panthers, il Migliorista, Riquadro.com, pagina facebook Sncci Lombardia. Ha pubblicato nel 2021 per Aiep Editore “L’altra metà del pianeta cinema-100 donne sul grande schermo” e nel 2022 per Haze Auditorium Edizioni “Cinemiracolo a Milano. Cineclub, cinema d’essai e circoli del cinema dalla Liberazione a oggi”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome