“Porto Rubino” 2023, tra i protagonisti Mahmood, Pelù e Madame

Tutto pronto per la quinta edizione del festival del mare ideato da Renzo Rubino: della ricca line-up faranno parte anche Niccolò Fabi, Raf, Emma Marrone, Levante e Dardust.

0
Porto Rubino
© Clarissa Ceci

La nuova edizione di Porto Rubino è pronta a spiegare le sue vele e navigare verso l’estate 2023: il festival dei mari, nato dalla mente del cantautore pugliese Renzo Rubino e arrivato ormai alla sua quinta edizione, animerà le coste della Puglia dal 30 giugno al 9 luglio, con cinque emozionanti appuntamenti all’insegna della musica e della tutela dei mari.

«Dopo 5 anni, “Porto Rubino” è diventato una certezza tra i festival estivi italiani. Eppure sembrava assurdo poter immaginare di trasformare una barca in palcoscenico, di fare in modo che diverse entità artistiche potessero coesistere in situazioni instabili. Come un qualsiasi porto, infatti, il Festival non ha genere ed è prevalentemente sull’acqua — racconta Renzo Rubino —. Sono anche aumentati i concerti che quest’anno saranno 5 come le edizioni. Prima era molto complicato creare il cast, contattare le capitanerie e spiegare il format alle diverse amministrazioni. Ora è tutto diverso e per la prima volta siamo riusciti a rendere gratuiti due dei cinque eventi. Un giorno mi piacerebbe fossero liberi per tutti, ci arriveremo!».

La line-up della nuova edizione

A bordo di incantevoli imbarcazioni, incorniciate da suggestivi scorci pugliesi, sullo speciale palco di Porto Rubino si avvicenderanno numerosi ospiti d’eccezione: il 30 giugno a Brindisi ci saranno, ad aprire le danze con un primo appuntamento gratuito, Eugenio Cesaro (Eugenio in Via Di Gioia), Mahmood e Omar Pedrini; il porto di Giovinazzo (BA) accoglierà per la prima volta il Festival il 2 luglio per il secondo evento gratuito della rassegna, ospitando Madame, Emma Nolde, i Santi Francesi e Alan Sorrenti; a Monopoli (BA) il 5 luglio sarà invece la volta di Bianco, Giovanni Caccamo, Niccolò Fabi e Piero Pelù; nel porto di Tricase (LE) il 7 luglio si avvicenderanno Carlo Amleto, Delicatoni, Levante, Nada, Raf; Dardust, Dente, Emma Marrone e Francesca Michielin chiuderanno in bellezza il festival con l’appuntamento finale del 9 luglio a Campomarino di Maruggio(TA).

Le sorprese di questa quinta edizione non finiscono qui! Fra i membri dell’equipaggio di Porto Rubino ci sarà infatti anche Chiara Galiazzo, la speciale “inviata di bordo” che, nel corso delle cinque tappe del Festival, incontrerà gli ospiti e racconterà sui social tutte le emozioni e i dietro le quinte di questa manifestazione unica nel suo genere, per poi esibirsi nella serata finale.

IL PROMO VIDEO

I biglietti sono in vendita dalle 15 di oggi su Vivaticket.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La salvaguardia dell’ambiente

Il festival del mare ha da sempre a cuore la salvaguardia dell’ambiente marino e, per questa edizione, si avvale della collaborazione di due partner di sostenibilità d’eccezione.

Sea Shepard
Costituita nel 1977, Sea Shepherd è la più attiva e agguerrita organizzazione internazionale senza fini di lucro. Attraverso la tattica dell’azione diretta per investigare, documentare e agire, quando è necessario, al fine di mostrare al mondo e impedire le attività illegali in alto mare, Sea Shepherd punta a fermare la distruzione dell’habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani per conservare e proteggere l’ecosistema e le differenti specie.

Worldrise
Worldrise è un’associazione no-profit che da 10 anni agisce per la salvaguardia dell’ambiente marino attraverso progetti innovativi di conservazione e sensibilizzazione della comunità, sviluppati per creare consapevolezza e formare i futuri custodi del patrimonio naturalistico del Mediterraneo. In questa edizione, Porto Rubino aderisce al progetto Ecorider: l’iniziativa coinvolge gli artisti per ridurre l’impatto dell’industria musicale attraverso la redazione di un rider in formato green contenente le indicazioni per non utilizzare in stage e backstage alcun tipo di plastica monouso e imballaggio, minimizzare gli sprechi e facilitare il corretto smaltimento dei rifiuti.

I partner del Festival

Si ringraziano: San Marzano Vini , main sponsor dell’evento, e Radio Capital, radio partner; Regione Puglia, Puglia Sounds, Teatro Pubblico Pugliese, Puglia Promozione; i comuni di Brindisi, Giovinazzo, Monopoli, Tricase Porto, Campomarino di Maruggio; Sea Shepherd e Worldrise, partner di sostenibilità; Berwhich, partner commerciale. Un ringraziamento particolare va a Stefano Senardi, coordinatore dei rapporti con le istituzioni e consulente alla direzione artistica.

Porto Rubino

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome