Peter von Kant

Omaggio di Ozon alle Lacrime amare di Petra von Kant di Fassbinder

0

Peter von Kant
di François Ozon
con Isabelle Adjani, Denis Ménochet, Hanna Schygulla, Stefan Crepon, Khalil Ben Gharbia

La stilista Petra von Kant viveva con l’assistente muta e innamorata Marlene, conosceva la bellissima Karin e per i capricci di Karin distruggeva la sua vita. Le lacrime amare di Petra von Kant era uno dei molti, veloci  e rivoluzionari film di Rainer Werner Fassbinder, uno dei padri gay del nuovo cinema tedesco degli anni Settanta. Il Peter von Kant di Denis Menochet è maschio, gay, regista, una replica di Fassbinder, vive negli anni Settanta in una casa piena di San Sebastiani mollemente feriti, servito dall’assistente muto e innamorato Karl, riceve la sua musa Adjani che gli presenta il giovane Amir, plurisessuale e capriccioso che prende da Peter  il successo e restituisce sberleffi. La discesa agli inferi di Peter Von Kant è una re/visione delle lacrime amare versate da Petra von Kant. Ozon confeziona in un appartamento/teatro il suo omaggio ai film veloci e feroci di Fassbinder e conferma il suo talento indubbio nelle citazioni e nelle ricostruzioni. Se non fosse tutto “alla maniera di“ verrebbe da dire bravo…

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome