Liberami dal “nulla” ovvero l’epopea di un disco straordinario. Bruce Springsteen e Nebraska

0
Nebraska

È grazie alla volontà di qualità e bellezza della Jimenez Edizioni che possiamo stringere tra le mani questo agile volume scritto dal rocker Warren Zanes.

Nebraska

Se non avete i dischi che Warren insieme a suo fratello Dan alla voce, Tom Lloyd al basso e Woody Giessman alla batteria, correte in un negozio di dischi e fatevi un favore, la band dei Del Fuegos è stata una delle più interessanti e peculiari di quel movimento che all’inizio degli anni 80 ha recuperato il garage rock e le chitarre.

Ho avuto modo di conoscere i ragazzi dei Del Fuegos dopo una loro data al Vidia di Cesena, persone straordinariamente appassionate, ottimi musicisti e storie da raccontare in quantità.

Qui troviamo Warren, biondo chitarrista della band, nella sua veste di scrittore. Un grande scrittore.

Warren sicuramente è uomo di ottime letture, d’altronde tutti i membri dei Del Fuegos sono parte di un movimento che viene dalle università americane più prestigiose e si capisce. Peraltro Warren è un narratore davvero ispirato.

Poter leggere in italiano questo libro è una meraviglia, anche grazie al pertinente lavoro di traduzione di Alessandro Beverame, cruciale in questi ambiti per restituirci una lettura agile ma scevra dai tanti errori di traduzione che costellano altri libri di argomento musicale ma non solo.

Il Bruce che ritroviamo tra le pagine del libro è quello del dopo “The River”, al quale sono ampiamente debitore: è quello che dopo la affermazione mondiale a quel punto seguita a “The River”, si trova di fronte ai dilemmi esistenziali e filosofici che ne caratterizzeranno la carriera: chi sono io e soprattutto che cosa posso farci con questo successo?

Nebraska

Bruce quindi decide di affittare una casa a Colts Neck e si isola. Si nutre di letture suggerite spesso da Jon Landau, che diventa una specie di pigmalione di questo autentico savant e solletica quella forma di intelligenza empatica che il nostro possiede.

Sono i primi anni 80 e la tecnologia comincia a fare i primi passi nella direzione di una autonomia artistica che ci permetterà, nel giro di qualche decennio, di registrare dischi tutto sommato semiprofessionali bypassando l’ambiente dello studio. Quello che si realizza per Bruce è uno slancio creativo che lo vedrà registrare un numero elevato di quelli che lui credeva demo che diverranno senza che nessuno se ne accorga “Nebraska”, il disco più importante per Bruce e per qualche generazione di rockers, una mossa inaspettata e coraggiosa che vedrà il release del disco direttamente da quella cassetta registrata con un 4 piste della Tascam fino ai negozi, chiaramente cassetta e vinile.

Tutto qui?

No, perché la ripartenza dai modi della country music americana e dall’acustica e poco più, vedrà praticamente la nascita del genere alt country e new rock americano ma non solo, tracciando un solco che caratterizza un prima e un dopo Nebraska al quale tutti faranno riferimento. Il vocabolario umano di Bruce, sempre empatico con gli underdog, diventa qui un epigono del Johnny Cash che scrive Folsom Prison Blues dicendo di aver ucciso un uomo in Reno solo per vederlo morire, scatenando una immedesimazione che diventa quasi pericolosa, che porta a credere che il narratore SIA il narrato. Qualcosa che va oltre il Truman Capote di “A Sangue Freddo” e diventa arte.

 

Nel libro Warren ha avuto modo di confrontarsi con Bruce e alcune voci importanti dell’ambiente musicale, fa piacere vedere un paese che prende seriamente l’espressione musicale e la porta a livello della credibilità letteraria.

Non ci rimane altro che amareggiarci pensando alla situazione dell’editoria musicale italiana e anche per quello che è Bruce nel 2024, con prezzi dei biglietti alle stelle, vittima di un sistema capitalistico così lontano dalle istanze denunciate da Nebraska.

Un nuovo imperdibile lavoro della Jimenez che già dal titolo, che ci riporta a quel deliver me from nothing la dice lunga sul grado di approfondimento di questo volume.

Keep it Coming!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome