Una storia nera

Muore il marito violento di una moglie a lungo maltrattata. Chi è stato?

0

Una storia nera
di Leonardo D’Agostini
con Laetitia Casta, Cristiana Dell’Anna, Andrea Carpenzano, Mario Sgueglia, Giordano De Plano

La bambina Mara per il compleanno vuole il suo papà. La mamma Carla (Casta), 3 figli, un maschio e due femmine, separata dal marito Vito, quel giorno acconsente a invitarlo. Torta, candeline regali poi Vito esce, escono anche i figli più grandi, una donna attende in macchina, una macchina corre sul lungotevere e getta un corpo nel fiume. Quando riemerge partono le indagini: Vito è stato accoltellato. Carla messa alle strette racconta vent’anni di botte e stupri sempre denunciati e dice che dopo essere uscito quella sera Vito è rientrato, ha tentato l’ennesima violenza e lei si è difesa. L’amante di Vito, che era in macchina a spiarlo temendo che tornasse dalla moglie, sostiene che Carla ha richiamato Vito che se ne andava. L’amante di Carla ha visto Vito morto, ma non se l’è sentita di aiutare Carla a buttare il corpo nel fiume. Ha fatto tutto da sola? No. Il figlio maggiore rivela di essersi offerto per il macabro incarico. Il dibattito in tribunale oscilla tra mezze verità e mezze ammissioni. La tesi dell’accusa è che il vero mostro è Carla. Oltre non possiamo dire, chi ha letto il libro omonimo di Antonella Lattanzi sa com’è finita. Non l’abbiamo letto: è definito un meccanismo narrativo miracoloso nel gestire le ambiguità della storia. Ma il film no, è piatto.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome