Benvenuti al Cinema Laika- Omaggio ad Aki Kaurismaki

Dal 26 giugno al 6 luglio 2024 alla Cineteca Milano Arlecchino la rassegna dedicata al maestro del cinema finlandese, uno degli autori europei più originali e raffinati

0
Ho affittato un killer

Il primo film programma è il documentario sul locale cinematografico costruito dal regista nella cittadina di Karkkila

Personaggio singolare e unico Aki Kaurismaki da buon finlandese, ama molto il silenzio e vive di pochi gesti e di espressioni essenziali. Maestro dell’immagine secca, rarefatta, dei dialoghi ridotti e recitati a bassa voce, nei suoi rari incontri con la stampa precisa senza mezzi termini il suo pensiero e la sua filosofia di vita. (“tra le urla scelgo il silenzio” afferma). Dopo vari mestieri, lavapiatti, postino, critico cinematografico, Aki, appassionato di B-movie americano e di musica, finisce dietro la macchina presa con il suo primo film Delitto e castigo da Dostoevskij scegliendo la strada del cinema indipendente a bassissimo costo. Ho affittato un killer, Leningrad Cowboys go to America, La fiammiferaia, Vita da Bohème lo segnalano nei festival internazionali e trovano un loro pubblico anche da noi. La rassegna, organizzata in collaborazione con la Finnish Film Foundation, si apre con il documentario Cinéma Laika (2023) diretto Veljko Vidak, con Kaurismaki che racconta del cinema Laika fatto da lui costruire nella cittadina di Karkkila. Un pretesto non solo per parlare del cinema come luogo ma anche per conoscere chi quel cinema lo frequenta e il mondo di amici e conoscenze dello stesso regista. Tra i titoli in programma Leningrad Cowboys go to America (1989), un road movie per le strade americane di un’improbabile band punk-rock russa; Ho affittato un killer (1990), storia di un uomo che assolda un killer per ucciderlo, ma si pente di aver preso questa decisione; Vita da Bohème (1992), ispirato al romanzo di Henri Murger del 1851; Le luci della sera (2006), protagonista un malcapitato diventato suo malgrado complice di un furto e per questo punito. Negli ultimi anni Aki si è segnalato anche per Le Havre (2011); L’altro volto della speranza (2017); Orso d’argento al Festival di Berlino per la regia e per Foglie al vento (2023), premio della giuria al Festival di Cannes 2023).  A parte Cinèma Laika, tutti gli altri titoli della rassegna sono proiettati in 35mm.       

Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente collabora a Diari di Cineclub, Grey Panthers, il Migliorista, Riquadro.com, pagina facebook Sncci Lombardia. Ha pubblicato nel 2021 per Aiep Editore “L’altra metà del pianeta cinema-100 donne sul grande schermo” e nel 2022 per Haze Auditorium Edizioni “Cinemiracolo a Milano. Cineclub, cinema d’essai e circoli del cinema dalla Liberazione a oggi”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome